Assegno Unico Figli e Carta Acquisti, le importanti modifiche previste in Agosto ancora per entrambi

di Marianna Quatraro pubblicato il
Assegno Unico Figli e Carta Acquisti, le

Cosa prevedono assegno unico per figli e carta acquisti e cosa cambia per le misure ad agosti: chiarimenti e spiegazioni

Quali sono le importanti modifiche previste in Agosto ancora per Assegno Unico Figli e Carta Acquisti? Tra le principali misure fiscali e per aiuti alle famiglie le due più importanti del momento sono certamente l’assegno unico per figli e la nuova carta acquisti 2023 Dedicata a te, che ha debuttato a luglio e si prepara ad essere ricevuta in queste settimane dai beneficiari che soddisfano i requisiti necessari. Vediamo quali sono le modifiche di agosto di queste misure.

  • Assegno unico figli e nuove modifiche di agosto
  • Quali sono le modifiche per la carta acquisti previste ad agosto

Assegno unico figli e nuove modifiche di agosto

L’Assegno unico per i figli è una misura di sostegno economico alle famiglie riconosciuto per ogni figlio a carico fino al compimento dei 21 anni e senza limiti di età per i figli disabili il cui importo varia in base al valore Isee del nucleo familiare valido al momento della domanda, considerando anche età del figlio, quanti figli ci sono in famiglia e sono presenti figli disabili. L’assegno unico per i figli spetta a tutte le categorie di lavoratori dipendenti (sia pubblici che privati), lavoratori autonomi, pensionati, disoccupati, inoccupati ecc.

Le importanti modifiche ancora al via ad agosto per l’assegno unico per i figli riguardano l’obbligo di presentare nuova domanda per alcuni beneficiari altrimenti si corre il rischio di perdere il beneficio.

Se, come previsto dalle norme in vigore, per avere l’assegno unico per i figli basta presentare domanda una sola volta e, pur rinnovando l’Isee, non serve ripresentare apposita domanda, ci sono nuovi casi in cui, al contrario, è necessario presentare nuova domanda per non perdere l’assegno unico che si percepisce.

E proprio ad agosto molte famiglie devono presentare nuova domanda per avere l’assegno unico per figli: si tratta, in particolare, di coloro per i quali si sta per esaurire il reddito di cittadinanza che, come noto, sarà definitivamente sostituito da gennaio 2024 dal nuovo assegno di inclusione.

Dopo la scadenza delle sette mensilità del reddito di cittadinanza, per non perdere l’assegno unico per figli, i soggetti interessati devono, infatti, presentare una nuova domanda per continuare a ricevere il beneficio e la domanda deve essere presentata entro l’ultimo giorno del mese di competenza del reddito di cittadinanza per continuare ad avere il beneficio in maniera continuativa.

La domanda per avere l’assegno unico per i figli deve sempre essere presentata da uno dei due genitori esercenti la responsabilità genitoriale direttamente sul sito Inps seguendo apposita procedura e viene poi automaticamente erogato ogni mese sull’Iban indicato al momento della domanda.

Quali sono le modifiche per la carta acquisti previste ad agosto

Novità in vista ad agosto anche per la carta acquisti 2023 Dedicata a te e da poco al via. Ha, infatti, debuttato da poco la carta acquisti Dedicata a te del valore di 328,50 euro destinata a famiglie composte da almeno tre persone e con un Isee entro i 15mila euro e già si pensa a modifiche, considerando che a poco tempo dal debutto sono già emersi problemi e criticità.

Si pensa, infatti, già ad ampliare la platea dei beneficiari, considerando che circoscrivere la misura solo a famiglie composte da tre persone può risultare molto restrittivo, ma si pensa anche ad estendere la lista dei prodotti che si possono acquistare con la nuova Carta acquisti. 

Stando, infatti, a quanto approvato, i soldi della Carta Dedicata a te si possono spendere solo per acquistare beni di prima necessità come pasta, pane, latte, uova, zucchero, frutta, verdura, carne, pesce, ma anche prodotti per l’infanzia e l’igiene personale, ma ne sono esclusi i farmaci. Si pensa di inserire nella lista dei beni da acquistare anche i farmaci generali e di base più usati.  

Inoltre, è bene sapere che chi percepisce il reddito di cittadinanza non deve attivare la carta, perché non hanno diritto ad averla i precettori della misura ma Poste Italiane sta comunque distribuendo le card Dedicata a te 2023 anche a queste categorie di persone. 

Se nei prossimi giorni e ad agosto coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza ricevono apposita comunicazione per andare a ritirare la carta, è bene che non attivino la carta e spendano i soldi caricati perchè comunque qualche mese saranno certamente chiamati dall’Agenzia delle Entrate per restituire i soldi indebitamente avuti.