Bonus 150 euro a Novembre, chi lo può prendere doppio di 300 euro

di Marianna Quatraro pubblicato il
Bonus 150 euro a Novembre, chi lo può pr

bonus 150 euro novembre chi prendere doppio

Come e chi può ricevere il pagamento del bonus di 150 euro a novembre doppio fino a 300 euro: categorie di persone beneficiarie e chiarimenti Inps

Chi può prendere doppio di 300 euro il bonus 150 a Novembre? Tra le ultime misure messe in campo dall’ormai ex governo Draghi a sostegno di lavoratori e famiglie, insieme a bonus e aumenti di stipendi e pensioni, c’è anche il nuovo bonus una tantum di 150 euro che sarà pagato ai beneficiari individuati dalla legge il prossimo mese di ottobre. Con qualche sorpresa. Vediamo di cosa si tratta. 

  • Nuovo bonus 150 euro novembre a chi spetta e come funziona 
  • Bonus 150 euro a novembre chi può averlo doppio

Nuovo bonus 150 euro novembre a chi spetta e come funziona 

Come stabilito dal Decreto Aiuti Ter, il nuovo bonus una tantum di 150 euro a novembre spetta in particolare alle seguenti categorie di persone:

  • lavoratori dipendenti, sia a tempo indeterminato e sia a tempo determinato e anche part time;
  • lavoratori stagionali e del turismo a tempo determinato e intermittenti che nel 2021 abbiano svolto la prestazione per almeno 50 giornate;
  • collaboratori co.co.co; 
  • dottorandi e assegnisti;
  • lavoratori dello spettacolo;
  • lavoratori domestici;
  • lavoratori autonomi con Partita Iva iscritti a Inps e Casse private previdenziali;
  • disoccupati che percepiscono le indennità Naspi e Dis Coll;
  • titolari di disoccupazione agricola;
  • pensionati che percepiscono pensione di vecchiaia e anticipata ordinaria;
  • pensionati che percepiscono pensione di reversibilità e invalidità;
  • titolari di pensione o assegno sociale;
  • precettori del reddito di cittadinanza;
  • lavoratori autonomi e professionisti con Partita Iva iscritti a Inps e Casse  previdenziali professionali.

Per avere il nuovo bonus di 150 euro una tantum di novembre bisogna avere un reddito annuo entro i 20mila euro riferito al 2021 e il beneficio sarà pagato ad alcuni direttamente dall’Inps senza necessità di presentare alcuna domanda mentre altri devono presentare apposita domanda, come già accaduto per il bonus di 200 euro. 

Bonus 150 euro a novembre chi può averlo doppio

Se c’è chi tira, dunque, un sospiro di sollievo potendo finalmente vere ulteriori soldi a disposizione a novembre, c’è chi può sorridere ancor di più, considerando che alcune categorie di persone potranno avere il bonus di 150 euro a novembre doppio, fino a 300 euro.

Come precisato dall’Inps, il bonus di 150 euro può essere doppio fino a 300 euro a:

  • titolari di più Partite Iva iscritti a due casse previdenziali diverse;
  • titolari di pensione di reversibilità se tale prestazione spetta a più di una persona.

L’Inps ha chiaramente spiegato che il bonus di 150 euro può essere riconosciuto a soggetti contitolari di pensione di reversibilità ai superstiti in misura intera per ognuno. Ciò significa che due beneficiari di una sola pensione di reversibilità, se soddisfano i requisiti reddituali personali richiesti dalla legge per avere il bonus, possono avere i 150 euro di bonus singolarmente, prendendo così il bonus a doppio fino a 300 euro.

Anche lavoratori autonomi e professionisti titolari di più Partite Iva e con due iscrizioni a due Casse diverse possono ricevere il bonus di 150 euro a doppio fino a 300 euro: se nel 2021 hanno percepito un reddito annuo complessivo entro i 20mila euro, previa presentazione di apposita domanda, i professionisti possono ricevere il bonus di 150 euro a doppio, fino a 300 euro.

Se, da una parte c’è chi avrà il bonus di 150 euro di novembre doppio fino a 300 euro, c’è, dall’altra, a anche chi a sorpresa resterà fuori dal beneficio

Stando a quanto riportano le ultime notizie, sono diverse le categorie di persone che non riceveranno il pagamento del bonus di 150 di novembre, dai lavoratori domestici, colf e badanti, che non hanno presentato domanda per avere il precedente bonus di 200 euro e, pur avendo i requisiti necessari per avere il nuovo bonus di novembre, non potranno ricevere il pagamento dei 150 euro, a tirocinanti e stagisti.

Per queste categorie di persone, già escluse dal bonus di 200 euro, erano state chieste modifiche in modo da permettere di ricevere almeno il pagamento dei 150 euro di novembre, ma anche questa volta resteranno fuori dalla misura.

Nessun bonus una tantum di 150 euro neppure per chi va in pensione a novembre 2022. Stando a quanto deciso con il Decreto Aiuti Ter, per ricevere il bonus 150 euro i pensionati devono avere la residenza in Italia e avere la pensione con decorrenza entro il primo ottobre 2022, per cui chi va in pensione dopo il primo ottobre 2022 non avrà il bonus di 150 euro.