Bonus 150 euro a Novembre, viene affiancato da nuovi bonus e potenziamento di altri esistenti

di Marianna Quatraro pubblicato il
Bonus 150 euro a Novembre, viene affianc

bonus 150 Novembre nuovi bonus potenziamento altri

Quali sono recenti bonus già esistenti e potenziati che si affiancano al nuovo bonus una tantum di 150 euro a novembre: cosa prevedono e per chi

Il Decreto Aiuti Ter, dopo l’approvazione del Decreto Aiuti bis, ha previsto una nuova serie di aiuti, agevolazioni e bonus per lavoratori, pensionati e famiglie, prevedendo anche l’istituzione di un nuovo bonus una tantum. 

Si tratta del bonus di 150 euro che sarà erogato a novembre a lavoratori e pensionati con reddito annuo (riferito al 2021) entro i 20mila euro ma che sarà affiancato da altri nuovi bonus o dal potenziamento di altri. Vediamo allora quali sono nuovi bonus o bonus potenziati che affiancano il nuovo bonus 150 euro a novembre. 

  • Nuovo bonus benzina a chi spetta e quanto
  • Bonus Traporti 2022 cosa prevede 
  • Nuovo bonus auto 2022 regole
  • Bonus psicologo 2022 potenziato
  • Nuovo bonus part time di 550 euro
  • Nuovo bonus padri separati cosa prevede e per chi
  • Nuovo Bonus tv 2022 cosa prevede
  • Bonus fragili 2022 requisiti e come averlo
  • Nuovo bonus piscine 2022

Nuovo bonus benzina a chi spetta e quanto

Tra i primi nuovi bonus già previsti c’è il bonus benzina, agevolazione valida solo per lavoratori dipendenti di aziende prevista e non della pubblica amministrazione. E’, inoltre, a discrezione del datore stesso di lavoro decidere se riconoscere, o meno, tale bonus ai propri dipendenti.  Il suo valore può arrivare a 200 euro, non è considerato reddito imponibile ed è completamente deducibile dall’azienda.

Il bonus non deve esser richiesto perché è la stessa azienda che decide di erogarlo o meno a riconoscerlo direttamente. Precisiamo che i eonus benzina possono essere erogati durante il 2022 e nei primi 12 giorni del 2023, a prescindere dal momento del reale utilizzo da parte del dipendente, possono essere sotto forma di ticket cartacei o elettronici e valgono per rifornimento di carburante (benzina, diesel, Gpl o Metano) e anche per la ricarica di veicoli elettrici.

Bonus Traporti 2022 cosa prevede 

Altro nuovo bonus confermato dal Decreto Aiuti bis e potenziato, con fondi passati da 79 a 180 milioni di euro, è il bonus Trasporti 2022, che prevede uno sconto dell’importo di 60 euro per l’acquisto di abbonamenti per i servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale o di trasporto ferroviario nazionale; può essere richiesto da coloro che hanno reddito complessivo entro i 35mila euro nell’anno 2021, è nominale e deve essere richiesto entro il 31 dicembre 2022 accedendo e registrandosi sul sito www.bonustrasporti.lavoro.gov.it, il Portale del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

Una volta accettata la domanda, il buono viene emesso direttamente dal Portale e riporta un codice identificativo univoco, il codice fiscale del beneficiario, l’importo e la data di emissione e di scadenza, individuata in un mese dall’emissione.

Nuovo bonus auto 2022 regole

Accanto al nuovo bonus di 150 euro di novembre per chi ha reddito entro i 20mila euro annui, c’è poi il nuovo bonus auto 2022 che prevede uno sconto fino a 5 mila euro per l'acquisto di auto elettriche e ibride ricaricabili per cui non sarà necessario rottamare un vecchio veicolo, ma anche per alcuni modelli meno inquinanti di diesel, benzina, Gpl e metano. L’importo del bonus varia a seconda del tipo di auto acquistata e, di conseguenza, alla quantità di emissioni di CO2 previste per ogni modello, ciò significa che lo sconto è tanto più alto quanto minori sono le emissioni.

Per avere il nuovo bonus auto 2022 bisogna soddisfare specifiche condizioni che sono:

  • avere la proprietà del veicolo acquistato (anche con finanziamento) per almeno 12 mesi;
  • l'auto che si acquista deve avere un costo inferiore rispetto a quelli fissati per i bonus passati, che cambia in base alle emissioni del veicolo nuovo e per le elettriche si scende da 50 a 35mila euro, per le ibride plug-in da 50 a 45mila euro, per le altre da 40 a 35mila euro;
  • riconoscimento del bonus del valore differente in base alle emissioni del veicolo nuovo acquistato;
  • non è obbligatorio rottamare un veicolo vecchio, ma se si vuole ottenere un bonus più elevato è necessario che il veicolo da rottamare sia di classe inferiore a euro 5.

Per quanto riguarda l’importo del bonus auto 2022 che si può avere, è in particolare il seguente:

  • prima fascia, tra 0 e 20 grammi di CO2/km, 5.000 euro in caso di rottamazione e 3.000 euro senza rottamazione, con un limite di spesa massimo di 35mila euro;
  • seconda fascia, tra 21 e 60 grammi di CO2/km, 4.000 euro in caso di rottamazione e di 2.000 euro senza rottamazione, con un limite di spesa massima di 45mila euro;
  • terza fascia, tra 61 e 135 grammi di CO2/km, 2.000 euro e si può avere solo in caso di rottamazione, con un limite di spesa di 35mila euro.

Bonus psicologo 2022 potenziato

E’ stato potenziato, insieme al nuovo bonus di 150 euro di novembre, il bonus psicologo, con rifinanziamento dei fondi, portati da 10 a 25 milioni di euro, per permettere ad ulteriori persone di accedere alla misura. 

Stando a quanto previsto, il bonus psicologo prevede un contributo fino a 600 euro per spese di psicoterapia tutte le persone con Isee fino a 50mila euro. In particolare, l’importo del bonus psicologo è compreso tra 200 e 600 euro e viene ripartito in base al valore Isee del richiedente, dando precedenza a valori Isee più bassi e in base all’ordine cronologico di presentazione della domanda. La domanda per avere il bonus psicologo 2022 può essere presentata direttamente all'Inps.

Bonus spesa potenziato per Comuni 

Anche il bonus spesa è stato potenziato, insieme ad altri bonus, per garantire a sempre più persone di ricevere l’aiuto. I buoni spesa devono essere richiesti direttamente al proprio Comune di residenza che hanno ricevuto rifinanziamenti per la misura.

In base ai fondi ricevuti dallo Stato, ogni Comune deve fare una stima dei nuclei familiari cui riesce ad elargire il contributo e stabilire i requisiti necessari per ottenerli. Ogni cittadino deve presentare apposita domanda per avere i buoni spesa secondo le modalità stabilite dal Comune di residenza nonché un valore relativamente basso 

Precidiamo che i buoni spesa possono esser utilizzati solo per l’acquisto di beni di prima necessità.

Nuovo bonus part time di 550 euro

Non solo nuovo bonus una tantum di 150 euro a novembre ma è stato istituito un nuovo bonus part time dell’importo di 550 euro per lavoratori con contratto di lavoro part time ciclico.

Per avare il bonus di 550 euro bisogna soddisfare i seguenti requisiti:

  • non essere titolari di altro rapporto di lavoro dipendente;
  • non essere precettori dell’indennità di disoccupazione Naspi;
  • avere nel 2021 periodi non interamente lavorati non inferiori alle 7 e non superiori alle 20 settimane;
  • non percepire altri trattamenti pensionistici.

Nuovo bonus padri separati cosa prevede e per chi

Anche il bonus padri separati è tra i nuovi bonus che affiancano la novità del bonus di 150 euro una tantum a novembre e che spetta al genitore separato in difficoltà economica che deve provvedere al proprio mantenimento e a quello dei figli conviventi e che non riceve regolarmente l’assegno di mantenimento a cui avrebbe diritto per inadempienza dell’altro genitore.

Per avere diritto al bonus padri separati il richiedente deve avere un Isee entro gli 8.174 euro e deve aver subito un calo delle entrate del 30% rispetto al 2019 o una cessazione della propria attività lavorativa dall’8 marzo 2020 per una durata di almeno 90 giorni. L'importo del bonus padri separati può arrivare a 800 euro al mese per un totale di 9.600 euro all’anno e può essere erogata solo se il richiedente ha un Isee entro gli 8.174 euro.

Nuovo Bonus tv 2022 cosa prevede

E’ disponibile anche il nuovo bonus tv 2022: si tratta di uno sconto del valore di 100 euro che viene applicato al momento dell’acquisto di una nuova tv rottamando un vecchio televisore.

Bonus fragili 2022 requisiti e come averlo

Anche il nuovo bonus fragili 2022 affianca il nuovo bonus 150 euro di novembre e spetta ai lavoratori dipendenti del settore privato che hanno diritto alla malattia presso l’Inps e in possesso del certificato medico attestante la condizione di malattia o rischio derivato da immunodepressione o da patologie oncologiche, o, ancora, per svolgimento di terapie salvavita

Il bonus fragili spetta in particolare alle seguenti categorie di persone:

  • operai dell’industria;
  • operai e impiegati del terziario e servizi; 
  • lavoratori dell’agricoltura;
  • lavoratori marittimi;
  • lavoratori dello spettacolo.

Il bonus fragili è dell’importo di mille euro e per averlo bisogna soddisfare i seguenti requisiti:

  • essere stato nel 2021 lavoratore dipendente del settore privato avente diritto alla tutela previdenziale della malattia a carico dell'Inps;
  • non aver prestato nel 2021 lavoro in modalità agile nei periodi per i quali il richiedente il bonus ha presentato certificati di malattia;
  • aver presentato nel 2021 uno o più certificati di malattia in quanto lavoratore in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità o di certificazione rilasciata dai competenti organi medico legali, attestante una condizione di rischio derivante da immunodepressione o da esiti di patologie oncologiche o dallo svolgimento di relative terapie salvavita;
  • aver superato nel 2021 il periodo massimo indennizzabile di malattia disciplinato dalla specifica normativa prevista per il lavoratore che presenta la domanda.

Per avere il bonus fragili 2022 bisogna presentare apposita domanda all’Inps entro il 30 novembre 2022.

Nuovo bonus piscine 2022

Il decreto Aiuti bis ha previsto uno stanziamento di 50 milioni di euro destinato ad un fondo per un nuovo bonus a sostegno di piscine e sport a livello dilettantistico.