Calcolo IMU e TASI 2019 seconda casa, terreni, locali commerciali e capannoni

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Calcolo IMU e TASI 2019 seconda casa, te

Tasi e Imu 2019, il calcolo

Si pagano Imu e Tasi sulla seconda casa e sui capannoni in base alle aliquote stabilite dai Comuni per gli altri fabbricati. Attenzione ai cambiamenti 2019.

C'è tempo fino al 17 giugno 2019 per pagare la prima rata di Imu e Tasi. Al pari dello scorso anno, le due imposte non vanno versate per la prima casa, a meno che non sia accatastata come A1, A8 e A9 ovvero immobili di lusso, ville e castelli. Alcun versamento è dovuto da proprietari di immobili adibiti ad abitazione principale ed equiparati, come quelli posseduti dai dipendenti del comparto sicurezza, alloggi sociali, possessori di terreni agricoli.

Si pagano quindi Imu e Tasi sulla seconda casa (e quelle successive) in base alle aliquote stabilite dai Comuni per gli altri fabbricati. E anche sui capannoni è previsto il versamento di Imu e Tasi 2019, sempre tenendo conto delle aliquote stabilite dai Comuni.

Tasi e Imu 2019, il calcolo

L'Imu si applica sulla componente immobiliare del patrimonio e accorpa l'imposta sul reddito delle persone fisiche, le relative addizionali dovuti in relazione ai redditi fondiari su beni non locati e la vecchia imposta comunale sugli immobili. L'ammontare si determina moltiplicando la base imponibile per l'aliquota stabilita dal Comune nel quale è situato l'immobile con l'importo da calcolare in proporzione alla quota e ai mesi di possesso dell'immobile.

L'acconto 2019 va quini versato applicando le aliquote decise dai Comuni lo scorso anno: se non è cambiato niente nel proprio patrimonio immobiliare basta versare il 50% di quanto pagato 12 mesi fa. Ma solo se le aliquote non sono state modificate, altrimenti occorre rifare i calcoli. Per gli immobili a uso produttivo bisogna considerare sia la quota destinata al Comune sia quella di competenza dello Stato.

Una quota tra il 10 e il 30% della Tasi per le seconde case è a carico dell'inquilino. Per gli immobili concessi in uso gratuito tra parenti in linea retta di primo grado ovvero tra genitori e figli, la base imponibile Imu e Tasi è ridotta del 50%, ma per avere diritto all'agevolazione sono previsti rigidi requisiti. Per le abitazioni affittate a canone concordato è applicata sia per l'Imu sia per la Tasi una riduzione del 25% della base imponibile.

Imu e Tasi sono versate in due rate: l'acconto entro il 16 giugno (quest'anno coincide con una domenica e dunque slitta a lunedì) e il saldo entro il 16 dicembre. L'acconto è generalmente pari al 50% dell'imposta dovuta per l'anno precedente.

Come pagare Imu e Tasi 2019

Il versamento va effettuato con il modello F24 da presentare a uno sportello bancario o postale se l'importo da versare è inferiore a 1.000 euro, altrimenti occorre procedere per via telematica. Oppure con il bollettino postale. I codici tributo Tasi sono 3958 su abitazione principale e pertinenze; 3959 su fabbricati rurali strumentali, 3960 su aree fabbricabili, 3961 su altri fabbricati.

Quelli Imu sono 3912 per abitazione principale e pertinenze (evidentemente solo categorie catastali A1, A8 e A9); 3914 per terreni; 3916 per aree fabbricabili; 3918 per altri fabbricati; 3925 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, allo Stato; 3930 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, al Comune.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":