Cedolare secca affitti a canoni concordati 2020 al 10% ufficiale rimane

di Marianna Quatraro pubblicato il
Cedolare secca affitti a canoni concorda

Cedolare secca affitti canoni concordati Come funziona

La cedolare secca resta al 10%: non ci sarÓ alcun aumento per il prossimo anno. La misura ufficiale della uova Legge di Bilancio

E alla fine tutto rimane così com'è: l'aliquota al 10% del regime fiscale agevolato della cedolare secca sugli affitti a canone concordato non subirà alcun aumento al 12,5%. E' questa l'ultima novità confermata dal governo dopo diversi giorni di discussioni in merito. Insieme alla conferma della cedolare secca al 10% tra le altre novità decise per la prossima Legge di Bilancio 2020 vi sono:

  • tassa sulla plastica;
  • sugar tax;
  • misure per sostenere famiglie e welfare;
  • misure per rafforzare la crescita delle imprese;
  • provvedimenti per sostenere gli investimenti e semplificare la fiscalità degli enti locali.

Cedolare secca affitti a canone concordato 2020: le novità

Per chi sceglie il regime della cedolare secca per affitti a canone concordato nel 2020 non sarà prevista alcuna novità. L'aliquota al 10% per i contratti a canone concordato (3+2 e rispettando le condizioni contrattuali stabilite a livello locale) rimane tale e non subirà alcuna modifica o aumento al 12,5%.

Stando a quanto riportano le ultime notizie, per coprire la decisione di mantenere la cedolare secca sugli affitti al 10% sarà aumentata la tassa sulla fortuna progressivamente dal 12 al 15% sulle vincite di importi superiori ai 500 euro.

Nulla cambia anche per l'aliquota della cedolare secca al 21% per i contratti a canone libero (4+4)

Cosa occorre sapere su cedolare secca su affitti a canone concordato

Il regime fiscale della cedolare secca per l’affitto di un immobile ad uso abitativo o commerciale a canone concordato, dunque, anche per il 2020 risulta più conveniente del regime ordinario perché accorpa in un’unica imposta:

  • Irpef;
  • addizionale comunale e regionale;
  • imposta di registro;
  • imposta di bollo.

Inoltre, la convenienza della cedolare secca anche per il 2020 è data dal fatto che il pagamento da effettuare si calcola sull’importo complessivo dei canoni di locazione. Può optare per la cedolare secca anche chi decide di affittare casa senza agenzia.

Tuttavia, quando si sceglie di applicare il regime della cedolare secca per case da affittare è bene sapere il proprietario deve mantenere per tutta la durata del tempo di locazione lo stesso canone inizialmente stabilito senza poter prevede aumenti anche se in relazione agli adeguamenti Istat. Il canone di affitto con la cedolare secca, infatti, non varia per adeguamento ai valori Istat.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: