Cento miliardi di tasse per le imprese italiane all'anno. Ecco chi le strangola

Imprese italiane e peso del fisco: nel nostro Paese pagano ben oltre 100 miliardi di euro all’anno. La situazione

Cento miliardi di tasse per le imprese i

Tasse imprese Cento miliardi anno


Le imprese italiane letteralmente strangolate dal fisco: che in Italia la percentuale di tassazione fosse più alta rispetto a quella degli altri Paesi europei è cosa ormai ben nota, ma i numeri, anzicchè migliorare, continuano a crescere, dato che di certo non è positivo né per le imprese, che secondo le ultime notizie, sborserebbero ben cento miliardi di euro all’anno, né per le persone fisiche contribuenti del fisco, per cui spesso si arriva ad un pagamento delle tasse del ben 80% del guadagno. Una vera e propria follia.

Imprese italiane: cento miliardi di euro all’anno di tasse

Le ultime notizie confermano, infatti, che il peso della pressione fiscale sulle aziende sta diventando sempre più ‘importante’, riportando che tra tributi, imposte e contributi previdenziali, le imprese italiane pagano, per la precisione, ben 101,1 miliardi euro ogni anno al fisco, contribuendo per il 14,1% al gettito fiscale totale. Secondo il coordinatore dell'Ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo, nonostante le imprese italiane siano letteralmente vessate da fisco, lo Stato non prevede alcuna agevolazione per favorirne la crescita. Anzi: sottolinea come il debito commerciale della pubblica amministrazione italiana nei confronti dei propri fornitori sia di circa 57 miliardi di euro. A strangolare le imprese italiane sarebbero, dunque, peso fiscale elevato, burocrazia lentissima e mancati pagamenti dallo stesso Stato.

E la situazione potrebbe diventare anche più negativa, se possibile, considerando che le ultime notizie confermano come la ripresa degli ultimi due anni stia rallentando, motivo fondamentale per indurre i nostri governatori ad una profonda revisione del sistema fiscale italiane, volta alla necessità di una riduzione delle tasse, e non solo per le imprese. Con particolare riferimento alle stesse imprese italiane, poi, sarebbe anche necessario alleggerire la burocrazia, accelerare i pagamenti della pubblica amministrazione e stimolare nuovamente gli investimenti.

Imprese e fisco: il pezzo delle tasse in altri Paesi europei

Secondo le ultime notizie rese note dall'Ufficio Studi della Cgia di Mestre, a superare il nostro Paese sarebbe solo l'Olanda. La stessa Cgia di Mestre sottolinea anche che il prelievo fiscale sulle imprese tedesche pesa per il 12,3% sul gettito totale, su quelle spagnole per l'11,6%, su quelle britanniche per l'11,4% e su quelli francesi per il 10,2%.