Come fare domanda rimborso mascherine, igienizzanti e altre spese per coronavirus azienda e negozi

di Marianna Quatraro pubblicato il
Come fare domanda rimborso mascherine, i

Come fare domanda rimborso mascherine igienizzanti

Via libera al rimborso fino al 100% delle spese ammissibili sostenute per acquisto dispositivi contro coronavirus: fasi domanda

Via libera al rimborso delle spese sostenute da aziende e negozi per l’acquisto di mascherine, igienizzati e altri dispositivi e strumenti di protezione per dipendenti e collaboratori a causa dell’emergenza coronavirus grazie a Impresa Sicura, il bando di Invitalia per le aziende che vogliono chiedere un rimborso per le spese sostenute per l’acquisto di DPI.

Vediamo cosa prevede il bando e come fare domanda di rimborso per l’acquisto di mascherine, igienizzanti e altre spese per coronavirus per aziende e negozi.

Rimborso mascherine, igienizzanti e per quali altre spese per coronavirus vale

Aziende, negozi e tutte le imprese iscritte nel Registro delle imprese, con sede principale o secondaria sul territorio nazionale, e non sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatoria, possono chiedere il rimborso per le spese sostenute durante l’emergenza coronavirus per:

  • mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3;
  • gel igienizzati e disifettanti per mani;
  • guanti in lattice, in vinile e in nitrile;
  • calzari e sovrascarpe;
  • dispositivi per protezione oculare;
  • indumenti di protezione, come tute e camici;
  • cuffie e copricapi;
  • dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea, come termo scanner.

Per la richiesta di rimborso le spese per i dispositivi sopra riportati devono essere state sostenute tra il 17 marzo 2020 e la data di invio della domanda.

Importo rimborso mascherine, igienizzanti e altre spese per coronavirus

Stando a quanto riportato dal bado Invitalia, il rimborso per l’acquisto dei dispositivi di sicurezza a lavoro in aziende e negozi volti per coronavirus è concesso fino al 100% delle spese ammissibili e fino ad esaurimento delle risorse economiche disponibili (50 milioni di euro) per i seguenti importi:

  • importo minimo di spesa da rimborsare non inferiore a 500 euro;
  • importo massimo di spesa da rimborsare di 500 euro per ogni dipendente dell’impresa cui sono destinati i DPI  e fino a un massimo di 150mila euro per azienda.

Come fare domanda rimborso mascherine, igienizzanti e altre spese per coronavirus azienda e negozi

Il bando di Impresa Sicura per rimborsi ad aziende e negozi delle spese sostenute per l’acquisto di mascherine, igienizzanti e altri dispositivi di protezione per l’emergenza coronavirus si svolge in 3 fasi:

  • Prenotazione del rimborso, fase in cui aziende e negozi possono inviare la prenotazione del rimborso a partire dall’11 maggio e fio al 18 maggio 2020, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18 presso uno sportello informatico dedicato;
  • Pubblicazione dell’elenco delle prenotazioni, che Invitalia compila odine cronologico comunicando le prenotazioni ammesse alla domanda di rimborso e anche quelle non ammissibili;
  • Presentazione della domanda di rimborso, che si può compilare a partire dalle 19 del 16 maggio 2020 e fino alle 17 dell’11 giugno 2020 esclusivamente in modalità telematica seguendo l’apposita procedura che sarà attivata sul sito dell’Agenzia.

Una volta concluse queste tre fasi e inviata la domanda, i rimborsi saranno erogati subito dopo e dovrebbero arrivare entro lo stesso mese di giugno 2020.
 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ultime Notizie