Come funziona sanatoria colf (donne delle pulizia) 2020 decreto maggio coronavirus

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Come funziona sanatoria colf (donne dell

Coronavirus, arriva la sanatoria colf 2020

Via libera al provvedimento di sanatoria delle colf. Si tratta di una delle misure più discusse e non solo in riferimento alla opportunità di introdurre questa disposizione.

Il governo ha deciso e anche per le colf sarà possibile procedere alla regolarizzazione. La misura rientra nel cosiddetto decreto Rilancio che include un articolo dedicato alla sanatori di quei lavoratori irregolari.

Ed è stato uno dei più discussi non solo in riferimento alla opportunità di introdurre questa disposizione, rispetto a cui è prevalsa la posizione dei favorevoli considerata l'estrema delicatezza del periodo.

Ma anche per le tantissime particolarità procedurali che prevede la sanatoria delle colf in tempi di coronavirus. Vale allora la pena analizzare tutti i dettagli e capire come funziona e a quali condizioni.

Ricordiamo in via preliminare che a spingere per l'approvazione della sanatoria colf e dunque ad aver definito tutti i passaggi sono stati i ministri Teresa Bellanova (Agricoltura), Luciana Lamorgese (Interno), Giuseppe Provenzano (Mezzogiorno), Nunzia Catalfo (Lavoro e Politiche Sociali).

Vediamo quindi

  • Coronavirus, arriva la sanatoria colf 2020, come funziona
  • Nuove misure per colf nel decreto maggio per coronavirus

Coronavirus, arriva la sanatoria colf 2020, come funziona

Solo al termine di un lungo e accesso scontro all'interno della maggioranza è arrivato il via libera alla sanatoria delle colf presenti in Italia ma che si trovano in una situazione di irregolarità.

La possibilità è duplice: può il datore di lavoro presentare domanda di sanatoria dietro pagamento di 400 euro oltre a una somma forfettaria a titolo retributivo, contributivo e fiscale. Oppure può la stessa colf con permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019 richiederne uno temporaneo di 6 mesi per cercare un nuovo lavoro.

Se la ricerca va a buon fine, il permesso di soggiorno temporaneo viene trasformato in un permesso di lavoro della durata complessiva di 4 mesi. In questo caso la somma da versare è di 160 euro. Si tratta di una sanatoria che coinvolge i soli lavoratori (colf e non solo, stranieri e italiani) con la fedina penale pulita.

Non possono infatti chiedere la regolarizzazione i datori e i lavoratori condannati per reati connessi all'immigrazione clandestina o ad altre forme di sfruttamento del lavoro e della persona umana, anche in via non definitiva.

Semaforo rosso anche per gli stranieri espulsi e quelli condannati per gravi reati come lo sfruttamento della prostituzione.

Nuove misure per colf nel decreto maggio per coronavirus

La sanatoria in questo nuovo decreto Rilancio si aggiunge al bonus colf per 2 mesi e del valore di 500 euro per ciascuno di loro. In questo caso sono coinvolte solo quelle regolarmente assunte che hanno visto ridurre la propria attività per via della diffusione del coronavirus e che non siano conviventi con il datore di lavoro.

Per quanto riguarda la sanatoria ci sono limiti temporali da rispettare poiché tutte le domande devono essere presentate dal primo giugno al 15 luglio.

Saranno annullate le domande in cui si dichiara il falso così come quelle dei datori se i lavoratori non saranno assunti in seguito alla regolarizzazione.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ultime Notizie