Bunus ristrutturazioni casa 2019 regole ufficiali e novità. Cosa cambia

Confermate anche per il prossimo 2019 le detrazioni fiscali al 50% per i lavori di ristrutturazione casa: come funzionano e chi può richiederle

Bunus ristrutturazioni casa 2019 regole

Detrazioni ristrutturazioni casa 2019 regole novità


Sono state prorogate fino al 31 dicembre 2019 le detrazione fiscali al 50% per i lavori di ristrutturazione edilizia. Le detrazioni valgono su un limite massimo di spesa di 96mila euro per ogni unità immobiliare. Le ultime notizie confermano, dunque, quanto previsto dal bonus ristrutturazioni edilizie dello scorso anno senza alcuna novità. Non cambierà, infatti, nulla il prossimo anno e non ci sarà, come era stato previsto, alcuna riduzione delle detrazioni fiscali al 36% dal primo gennaio 2019 della Irpef e del limite di 48.000 euro per ciascuna unità immobiliare, invece di 96mila.

Ristrutturazioni casa 2019: detrazioni e lavori

Il bonus ristrutturazione casa 20189 prevede, dunque, anche per il prossimo, senza alcuna differenza rispetto allo scorso anno, detrazioni fiscali al 50% per coloro che hanno intenzione di ristrutturare un immobile. E’ stato, dunque, confermata la riduzione del 50% dall’Irpef sulle spese sostenute fio a 96mila euro, fruibile in 10 quote annuali dello stesso importo. Il bonus ristrutturazioni vale per lavori interni a edifici esistenti, in particolare, per lavori di ristrutturazione edilizia; lavori di manutenzione ordinaria relative a parti comuni dell’edificio; lavori manutenzione straordinaria; e lavori di recupero e risanamento conservativo.

In particolare, rientrano nei lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati su parti comuni di edifici residenziali, lavori come    installazione di ascensori e scale di sicurezza, rifacimento di scale e rampe, costruzioni di scale interne, sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia di infisso, recinzione dell’area privati.

Ristrutturazioni casa 2019: chi può richiedere le detrazioni e regole pagamenti

Il bonus ristrutturazioni può essere richiesto da tutti i contribuenti soggetti al pagamento delle imposte sui redditi, residenti o non residenti in Italia, e possono richiedere le detrazioni del 50% sull’Irpef sui lavori di ristrutturazioni casa non solo i proprietari ma anche gli altri soggetti che sostengono le spese come locatari o comodatari, titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie), imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce, soci di cooperative divise e indivise.

Anche per il prossimo anno varranno le stesse regole di pagamento per usufruire del bonus ristrutturazioni casa in vigore lo scorso anno. In particolare, per il pagamento dei lavori si potrà usare un bonifico bancario o postale dove dovranno essere riportate: causale del versamento, Bonifico relativo a lavori edilizi che danno diritto alla detrazione prevista dall’articolo 16-bis del Dpr 917/1986; codice fiscale del beneficiario della detrazione; e codice fiscale o Partita Iva del beneficiario del pagamento.