Detrazioni mutuo seconda casa 2020 quali sono, a chi spettano e importi massimi

di Marianna Quatraro pubblicato il
Detrazioni mutuo seconda casa 2020 quali

Detrazioni mutuo seconda casa quali importi

Chi e quando può portare in detrazione in dichiarazione del redditi le spese per il mutuo seconda casa 2020: quali sono e chiarimenti

Quando e chi può portare in detrazione fiscale ai fini Irpef gli interessi sul mutuo per la seconda casa 2020? Generalmente le detrazioni fiscali per gli interessi passivi sul mutuo valgono per l'acquisto di un immobile da adibire a prima casa che deve avvenire nell’anno antecedente o successivo al mutuo. Inoltre, per godere delle detrazioni fiscali previste, il soggetto che intende beneficiarne deve avere residenza anagrafica in Italia. Ciò che ci si chiede è se è possibile godere delle detrazioni fiscali per il mutuo su seconde case? E in quali casi e per quali importi?

Detrazioni fiscali 2020 mutuo seconda casa: a chi spettano e quando

E’ bene innanzitutto chiarire che per l’acquisto seconda casa non è possibile detrarre gli interessi passivi del mutuo perché la detrazione fiscale del 19% vale esclusivamente per l’acquisto di prime case immobili adibiti a casa principale. Ma ci sono delle eccezioni. Insieme agli interessi passivi, le detrazioni mutuo seconda 2020 riguardano:

  • oneri accessori connessi alla stipula del mutuo;
  • commissioni pagate alle banche per l’intermediazione;
  • eventuali oneri fiscali;
  • spese aggiuntive come imposta di iscrizione e imposta sostitutiva sul capitale prestato;
  • spese notarili sostenute per istruzione la pratica di mutuo;
  • eventuali perizie tecniche.

Possono, in particolare, beneficiare delle detrazioni fiscali per il mutuo di una seconda casa 2020:

  • coloro che sottoscrivono un mutuo per l'acquisto dell’abitazione principale, e indipendentemente dal fatto che si tratti di mutuo destinato alla prima o alla seconda casa, come spiegato dall'Agenzia delle Entrate;
  • coloro che fanno parte delle Forze Armate, Polizia, Carabinieri, ecc, in servizio permanente cui la detrazione è riconosciuta anche se non si tratta di dimora abituale, basta che sia un immobile unica abitazione di proprietà, per cui se si acquista una seconda casa che diventa prima casa si possono scaricare gli interessi del mutuo;
  • coloro che si trasferiscono per motivi di lavoro dopo l’acquisto;
  • coloro che vengono ricoverati in case di cura, a condizione che la casa di proprietà non venga locato.

Detrazioni mutuo seconda casa 2020: importi massimi

Se per gli interessi passivi del mutuo prima casa, l’importo massimo detraibile è di 4mila euro. Se i titolari del mutuo sono più di no, l’importo massimo detraibile deve essere diviso tra tutti i soggetti che hanno stipulato il mutuo.

Anche gli interessi passivi del mutuo pagati sul mutuo seconda casa 2020 che possono essere portati in detrazione del 19% Irpef devono essere riportati in dichiarazione dei redditi, o nel Modello 730 o nel modello Unico.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: