Detrazioni polizze 2020 vita a chi spettano e importi

di Marianna Quatraro pubblicato il
Detrazioni polizze 2020 vita a chi spett

Detrazioni polizze 2020 vita chi importi regole

Quali sono le regole per portare in detrazione 2020 le spese per le polizze vita: cosa cambia il prossimo anno e come avere la detrazione

Dal prossimo anno 2020 per usufruire di alcune detrazioni fiscali bisognerà effettuare i pagamenti con strumenti tracciabili, come bancomat, carte di credito o di debito, bonifici, misura adottata dal governo nella nuova Legge di Stabilità per contrastare in maniera ancora più capillare l’evasione fiscale disincentivando l’uso del contante. Vediamo cosa cambia per le detrazioni delle polizze vita 2020.

Detrazioni polizze vita 2020

Anche per il 2020 non cambiano le regole attuali relative alle detrazioni fiscali per le polizze vita. Anch’esse rientrano, infatti, tra le polizze che si possono portare in detrazione in dichiarazione dei redditi e in tal caso è prevista una detrazione del 19% dei premi relativi ad assicurazioni sulla vita stipulate o rinnovate prima del 31 dicembre 2000 o dal primo gennaio 2001.

Se la polizza è stata stipulata o rinnovata a dopo il primo gennaio 2001, spetta una detrazione del 19% della spesa effettuata solo se la polizza prevede:

  • rischio invalidità permanente superiore al 5% indipendentemente dalla causa invalidante;
  • rischio di morte;
  • rischio di non autosufficienza in riferimento alle attività quotidiane.

Quando e a chi spetta la detrazione fiscale per polizze vita

La detrazione fiscale in dichiarazione dei redditi per le polizze vita 2020 spetta se:

  • il contribuente è il contraente e l’assicurato è un suo familiare a carico;
  • il contribuente è l’assicurato e il contraente è un suo familiare a carico;
  • un familiare a carico del contribuente è sia contraente sia assicurato;
  • il contraente è un familiare a carico e l’assicurato è un altro familiare a carico.

Può usufruire della detrazione fiscale prevista per la polizza vita in dichiarazione dei redditi chi effettua la spesa per la polizza a prescindere da chi sia il beneficiario.

Come avere detrazione polizze vita in dichiarazione dei redditi

Le detrazioni fiscali al 19% sulle polizze vita si ottiene con la dichiarazione dei redditi

Come inserire le detrazioni dei premi assicurativi nella dichiarazione dei redditi: basta che il contribuente indichi nel modello che usa per la dichiarazione dei redditi i codici diversi a seconda delle polizze per cui si chiedono detrazioni che sono:

  • Codice 36 da inserire nei righi tra RP8 e RP14 del Modello Unico PF per assicurazione rischio morte o invalidità permanente non inferiore al 5% con contratto stipulato dal 2001 in poi; e per assicurazione vita e infortuni stipulati o rinnovati entro il 31 dicembre 2000 e per un limite massimo di detrazione di 530 euro;
  • Codice 37 da inserire nei righi generici compresi tra RP8-RP14 del Modello Unico PF per assicurazioni contro il rischio di non autosufficienza nello svolgimento delle attività quotidiane, per un tetto massimo di 1.291,14 euro al netto dei premi pagati per le assicurazioni a copertura del rischio di morte o invalidità permanente;
  • Codice 36 nei righi da E8 a E12 del Modulo 730 2019 per assicurazione contro il rischio di morte o invalidità permanente non inferiore al 5%, stipulate o rinnovate dal 2001 e assicurazioni vita o infortuni, stipulate o rinnovate fino al 2000, detraibili al massimo per una cifra di 530 euro;
  • Codice 37 nei righi da E8 a E12 del Modello 730 2019 per assicurazione contro il rischio di non autosufficienza, per spese fino a 1.291,14 euro.

Per eventuali controlli fiscali e ai fini della dichiarazione, per le detrazioni per polizze vita 2020 bisogna conservare:

  • contratto di assicurazione rilasciato dalla compagnia assicurativa che riporti nome del contraente e assicurato, tipologia di contratto e decorrenza, importi rilevanti dal punto di vista fiscale;
  • una copia della ricevuta di pagamento del premio corrisposto.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: