Detrazioni rogito prima casa 2020, spese notarili che si possono scaricare

di Marianna Quatraro pubblicato il
Detrazioni rogito prima casa 2020, spese

detrazioni rogito prima casa scaricare spese notarili

Quali sono le spese notarili che si possono portare in detrazione in dichiarazione dei redditi per acquisto prima casa 2020 e limiti di spesa

Le detrazioni notarili per le spese sostenute per l’acquisto della prima casa si sono ottenere in dichiarazione dei reddito con modello 730. Vediamo quali sono le spese notarili che si possono scaricare e limiti e importo massimo da riportare in dichiarazione dei redditi.

Detrazioni spese del notaio 2020 solo con pagamenti tracciabili

Anche per le spese effettuate per il rogito presso il notaio al momento dell’acquisto della prima casa è possibile fruire di una detrazione Irpef del 19% e sempre a patto, dal 2020, di effettuare la spesa solo ed esclusivamente con strumenti tracciabili, vale a dire bancomat, carte di credito, bonifico.

La nuova norma è contenuta nella nuova Legge di Bilancio 2020 e vale per ogni genere di spesa: per usufruire delle detrazioni fiscali dal prossimo anno, infatti, si dovrà pagare solo con strumenti tracciabili. La novità vale per tutte le spese ad eccezione delle spese mediche che anche se si pagano in contanti prevedono la possibilità di portare in detrazione l’acquisto effettuato.

Detrazioni notaio acquisto prima casa: quali spese si possono scaricare

Quali sono le spese del notaio per il rogito per l’acquisto della prima casa che si possono scaricare in dichiarazione dei redditi? Stando a quanto precisato dall’Agenzia delle Entrate, possono essere, in particolare, portate in detrazione in dichiarazione dei redditi le spese notarili per:

  • l’onorario del notaio con riferimento alla stipula del contratto di mutuo;
  • il notaio per conto del cliente, come l’iscrizione e la cancellazione dell’ipoteca.

Non sono, invece, detraibili per le spese che si sostengono per:

  • l’onorario del notaio per la stipula del contratto di compravendita;
  • imposte di registro;
  • IVA;
  • imposte ipotecarie e catastali.

La stessa Agenzia delle Entrate ha, inoltre, precisato che se il cliente ha costituito un deposito presso il notaio in un determinato anno e il notaio depositario emette fattura nell’anno successivo, le spese sono detraibili dall’imposta dovuta per l’anno di costituzione del deposito secondo il principio di cassa e solo se il contribuente ha conservato tutta la documentazione che attesti data e importo dell’avvenuto deposito e la fattura emessa dal notaio.

Detrazioni spese notaio 2020: limiti e importi previsti

Per scaricare le spese notarili per il rogito relative all’acquisto della prima casa e usufruire della detrazione fiscale Irpef al 19% il limite massimo da considerare è di 4.000 euro (per cui si arriva da una detrazione di 760 euro), cifra che comprende tutte le spese sostenute per gli interessi passivi del mutuo e per gli oneri accessori relativi alla stipula del mutuo.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":