Ristrutturazione casa 2019 detrazioni. Cosa cambia in Manovra e Legge di Bilancio 2019 approvata

di Marianna Quatraro pubblicato il
Ristrutturazione casa 2019 detrazioni. C

Ristrutturazione casa 2019 novita legge bilancio approvata

Confermato anche per il 2019 il sismabonus ma anche il bonus condomini: quali sono i bonus casa che possono essere richiesti ancora

I bonus casa 2019 sono stati ufficialmente prorogati al 31 dicembre 2019 e si tratta di una misura confermata dalle ultime notizie relativa alla nuova Legge di Bilancio e Manovra approvata. Vediamo cosa cambia.

Detrazioni casa 2019: quali sono i bonus prorogati

Stando a quanto riportano le ultime notizie, sarebbero stati prorogati al prossimo anno bonus ristrutturazione casa 2019 e collegato bonus mobili ed elettrodomestici; ecobonus per chi effettua lavori volti al risparmio energetico; bonus verde 2019; e anche sismabonus, che in un primo momento non era contemplato tra le detrazioni da prorogare; e bonus condominio 2019. 

Bonus casa 2019: cosa prevedono detrazioni ristrutturazioni e mobili

Le ultime notizie della nuova Legge di Bilancio approvata confermano per il 2019 la proroga di il bonus ristrutturazione casa bonus mobili. Il primo prevede anche per il 2019 una detrazione dall'Irpef del 50% su un tetto massimo di spesa di 96.000 euro per i lavori di manutenzione straordinaria e ordinaria di immobili per uso abitativo, e ripartite in dieci quote annue di pari importo. E le detrazioni fiscali valgono anche sulle spese sostenute per progettazione, perizie e sopralluoghi, acquisto dei materiali, per prestazioni professionali richieste dal tipo di intervento, per la messa in regola degli edifici, per gli oneri di urbanizzazione. Possono richiedere il bonus ristrutturazioni i proprietari dell’immobile oggetto di lavori ma affittuari, comodatari e altri soggetti che sostengono le spese di ristrutturazione e possono dimostrare l’effettiva spesa sostenuta.

Chi ristruttura casa nel 2019 può anche richiedere il bonus mobili, che prevede una detrazione fiscale del 50% su una spesa massima di 10.000 euro per ogni immobile oggetto di lavori di ristrutturazione per l’acquisto di ogni genere di arredo e di elettrodomestici a condizione che siano di classe energetica elevata, dalla A in poi. Cosa cambia per le detrazioni e incentivi fiscali per la ristruttuturazione casa nel 2019 lo abbiamo visto nel dettaglio in un articolo in precedenza compresa la lista dei lavori inclusi nel bonus casa e una serie di domande e risposte sulle detrazioni pe la casa più frequenti.

Bonus casa 2019: cosa prevede l'ecobonus

L'ecobonus prevede anche per il 2019 detrazioni del 65% per lavori di risparmio energetico, tuttavia per il 2019 la detrazione scende al 50% per interventi relativi a installazione di nuovi infissi, sostituzione di impianti di climatizzazione con caldaie a condensazione o a pellet, per le schermature solari. Le detrazioni dell’ecobonus valgono anche se i lavori sono sostenuti per riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento, installazione di pannelli solari, sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale, e per il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni, pavimenti, finestre, comprensive di infissi).

All’ecobonus è collegato il bonus caldaie 2019, che prevede una detrazione che va dallo 0% al 65% in base alla caldaia acquistata e alle sue prestazioni e ciò significa che le detrazioni dipendono sostanzialmente dall’efficienza energetica dell’impianto. Se, cioè, la caldaia è di classe A e dotata di valvole di termoregolazione, la detrazione è al 65%; mentre se la caldaia è senza valvole la detrazione fiscale prevista è del 50%. Nessuna detrazione prevista se la classe della caldaia è inferiore alla A.

Bonus casa 2019: cosa prevedono sismabonus e bonus condomini

Il sismabonus prevede detrazioni fiscali fino all'85% per chi effettua lavori volti al risparmio energetico e di adeguamento sismico con estensione delle agevolazioni previste anche ad imprese e capannoni.

Per quanto riguarda il bonus condominio 2019, infine, si tratta di detrazioni fiscali riconosciute ai condomini che effettuano interventi di ecobonus e sismabonus contestualmente. Le detrazioni fiscali previste possono essere dell'80% o dell'8% definite in base al grado di riduzione di rischio sismico raggiunto una volta conclusi gli interventi decisi.  

Bonus casa 2019: cosa prevede il bonus giardini

Tra i bonus casa che la Legge di Bilancio ha prorogato anche per il 2019 c’è anche il bonus giardini, che prevede detrazioni fiscali del 36% sulla spesa sostenuta fino a 5mila euro e da dividere sempre in dieci quote annuale. Il bonus giardini può essere richiesto da chi decide di ristrutturare lo spazio verde della propria abitazione o il giardino condominiale ed effettuare lavori di cura, ristrutturazione e irrigazione del verde privato. La detrazione vale, in particolare, per le spese sostenute per la sistemazione a verde di unità immobiliari comprese pertinenze e recinzioni, installazione siepi e impianti d’irrigazione, riqualificazione di prato, fornitura di piante o arbusti, trasformazione di aree incolte in spazi verdi, giardini pensili, coperture verdi.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: