Cu 2019 (ex Cud) statali, dipendenti privati, pensionati, docenti quando disponibile da scaricare

Cos’è e come funziona la Cu 2019 ex Cud e regole previste per lavoratori statali e privati: le date di scadenza di quest’anno da conoscere

Cu 2019 (ex Cud) statali, dipendenti pri

Cu 2019 statali docenti privati pensionati regole


Quali sono le scadenze del Cu 2019 (Cud) per statali, dipendenti pubblici e privati,pensionati e docenti?  Quando si può scaricare online e come si può ricevevere o ritirare anche in formato cartaceo?

Dipendenti statali e docenti attendono che la Cu 2019, Certificazione Unica ex Cud, venga pubblicata sul sito NoiPA. La Cu è il documento che riporta il reddito percepito dal contribuente nell’anno solare scorso ed è fondamentale per la compilazione del modello 730/2019 per la dichiarazione dei redditi, perché i dati inseriti nella Cu vengono direttamente acquisiti dall’Agenzia delle Entrate che li usa, appunto, per compilare il modello 730 online. In particolare, la Certificazione Unica attesta il pagamento dei seguenti redditi:

  1. redditi di lavoro dipendente e assimilati;
  2. redditi di lavoro autonomo;
  3. redditi diversi;
  4. provvigioni;
  5. corrispettivi derivanti dai contratti di locazioni brevi.

Cu 2019: come si riceve

Per lavoratori dipendenti statali e docenti la Cu 2019 sarà, dunque, disponibile sul portale NoiPa a partire da lunedì primo aprile; i dipendenti privati la percepiscono direttamente dal datore di lavoro, mentre per i pensionati sarà disponibile sul sito Inps. A differenza di quanto avviene nel settore privato, ai dipendenti statali la Certificazione Unica viene consegnata esclusivamente in modalità telematica, già dal 2011.

Tra le indicazioni fornite da NoiPA per la CU 2019 per i dipendenti pubblici vi sono anche alcune informazioni importanti per il personale in servizio e per il personale cessato. In particolare, per il personale in servizio, il cui stipendio relativo al mese febbraio non viene emesso per varie motivazioni (part-time verticale, aspettativa, ecc.), la Cu sarà elaborata senza riportare nelle annotazioni l’indicazione addizionali all’IRPEF calcolate e non recuperate e certificando l’eventuale conguaglio fiscale a debito nel campo Irpef da trattenere dal sostituto successivamente al 28 febbraio. Sulle prime rate utili, il sistema provvederà automaticamente a recuperare tali debiti fino alla rata di dicembre compresa, mentre per il personale cessato entro il primo febbraio dell’anno del rilascio della certificazione, NoiPA non effettua il calcolo del conguaglio fiscale, per cui la Cu resa disponibile nelle annotazioni riporta l’indicazione obbligo della dichiarazione dei redditi.

I lavoratori dipendenti privati possono, invece, ricevere la Cu 2019 sia in modalità telematica, solo a condizione che il datore di lavoro si accerti che il lavoratore abbia gli strumenti necessari per riceverla e stamparla; sia in modalità cartacea da parte del datore di lavoro; rivolgendosi ai Caf in modo gratuito o ad altri professionisti abilitati; recandosi presso un ufficio postale e facendone richiesta allo sportello Amico. Anche i pensionati ricevono la Cu 2019 in formato cartaceo recandosi presso gli sportelli territoriali dell’Inps, dell’ex Enpals o ex Inpdap.

CU 2019: regole per scaricare modello

Tutti i lavoratori statali per cui la CU 2019 è resa disponibile sul portale NoiPa possono accedere al sito ed entrare nella propria area riservata inserendo le apposite credenziali e quindi entrare nella sezione ‘Documenti personali’ e consultare e scaricare la propria certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente equiparati ed assimilati, con tutti i dati relativi a ritenute operate, detrazioni previdenziali e assistenziali (riguardanti la contribuzione versata e dovuta agli enti preposti), e scheda per la destinazione del cinque e dell’otto per mille dell’Irpef. Nella CU 2019 dei lavoratori dipendenti statali, nello spazio riservato alla firma del datore di lavoro, è impostato in automatico il nominativo del dirigente responsabile.

I dipendenti privati possono scaricare la propria Cu 2019 direttamente accedendo al sito dell’Inps seguendo la procedura automatica e inserendo il proprio codice fiscale e il codice identificativo Pin. I pensionati possono ricevere la propria Cu direttamente recandosi presso gli uffici territoriali Inps.

Cu 2019: date e scadenze di quest'anno

Il modello CU 2019 deve essere consegnato dal datore di lavoro (in qualità di sostituto d’imposta) all’Agenzia delle Entrate entro il 7 marzo e deve essere consegnato al dipendente entro il 31 marzo. Considerando, però, come sottolineato dalle Entrate, che quest’anno il 31 marzo cade di domenica, il termine per la consegna del modello CU è stato rinviato a lunedì primo aprile 2019 e in quella data il modello sarà disponibile per i lavoratori statali direttamente sul portale NoiPA.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ultime Notizie