Posso andare a fare il 730 2020 al Caf o sindacato sia nel mio Comune che altro Comune dopo 4 maggio o no

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Posso andare a fare il 730 2020 al Caf o

Spostamenti dopo 4 maggio tra i comuni

Gli spostamenti saranno molto limitati e, a parte qualche piccola concessione rispetto alla situazione attuale, occorre informarsi prima di uscire dalla propria abitazione.

Si entra in uno dei periodi più caldi dell'anno perché, nonostante le facilitazioni concesse ai contribuenti come lo spostamento in avanti delle scadenze fiscali, arriva il momento in cui tutti i nodi vengono al pettine.

Succede anche con la presentazione della dichiarazione dei redditi ovvero il 730 2020, rispetto a cui una concreta agevolazione concessa dal governo è la possibilità di validare i rapporti tra contribuente e Caf o commercialisti attraverso le procedure online.

Ma non sempre è possibile o comunque desiderabile tra le parti e di conseguenza ci si chiede se è possibile andare a fare il 730 2020 al Caf o al sindacato sia nel mio comune sia in altro Comune dopo il 4 maggio.

Già perché dalla prossima settimana inizia la cosiddetta fase 2, quella del primo parziale allentamento del lockdown.

Sappiamo che gli spostamenti saranno molto limitati e, a parte qualche piccola concessione supplementare rispetto alla situazione attuale, occorre informarsi con attenzione prima di uscire dalla propria abitazione. Vediamo allora

  • 730 2020, posso andare al Caf o al sindacato?
  • Spostamenti dopo 4 maggio tra i comuni

730 2020, posso andare al Caf o al sindacato?

Stando alle nuove scadenze approvate da governo, il modello 730 2020 va presentato entro il 30 settembre direttamente all'Agenzia delle entrate o al Caf o al professionista o al sostituto d'imposta.

Viene dunque a cadere la doppia data di presentazione sulla base della modalità scelta. Il modello può essere presentato al sostituto d'imposta che presta l'assistenza fiscale, al Caf o al professionista abilitato.

I lavoratori dipendenti senza un sostituto d'imposta che in grado di effettuare il conguaglio devono presentarlo a un Caf o a un professionista abilitato. In questi ultimi casi possono essere richiesti i dati relativi alla residenza anagrafica del dichiarante e il controllo formale è effettuato nei confronti del Caf o del professionista.

E qui scatta la doppia novità: da una parte è possibile andare a fare il 730 2020 al Caf o sindacato sia nel mio comune sia in altro comune dopo 4 maggio poiché rientra tra le situazioni di necessità ovvero tra i motivi individuati dal governo per gli spostamenti.

Dall'altra l'esecutivo ha approvata una disposizione secondo cui patronati, commercialisti e Centri assistenza fiscale possano gestire a distanza l'attività di assistenza 730 2020. A patto di presentare deleghe e documenti richieste al termine del periodo di emergenza.

Spostamenti dopo 4 maggio tra i comuni

Anche la predisposizione del modello 730 2020 al Caf o sindacato rientra tra i motivi per cui è possibile spostarsi da un comune all'altro dal 4 maggio.

L'esecutivo autorizza i movimenti all'interno della propria regione per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute così come per incontrare congiunti.

In tutti i casi purché venga rispettato il divieto di assembramento, la distanza interpersonale di almeno un metro, anche nel rapporto con patronati, commercialisti e Centri assistenza fiscale.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: