Domande e risposte, spiegazioni ufficiali 2018-2019 pubblicati da Agenzia Entrate

L'Agenzia di XX Settembre si dice sicura di fare qualcosa di utile per i contribuenti, anche in termini di risparmio di tempo e di ricerca di informazioni fiscali.

Domande e risposte, spiegazioni ufficial

Perché online le risposte ai cittadini


Obiettivo trasparenza, ma anche facilitare la vita ai contribuenti, per questo motivo continueranno ad essere pubblicati anche nel 2019 gli interpellionline sul sito delle Agenzie Entrate, ovvero l'Agenzia delle entrate pubblicherà sul suo sito web le domande dei contribuenti e le sue risposte ufficiali, quelle da prendere in considerazione perché sono precisi riferimenti normativi. Più esattamente si tratta dell'istituto dell'interpello, finora sempre possibile ma in un rapporto personale tra cittadini e fisco. Adesso si cambia e con questa decisione l'Agenzia di XX Settembre si dice sicura di fare qualcosa di utile per i contribuenti, anche in termini di risparmio di tempo e di ricerca di informazioni fiscali.

Interpelli online: come funziona

In merito alle modalità di pubblicazione, l'Agenzia delle entrate prevede modalità diversificate a seconda della tipologia di documenti:

  1. le circolari e le risoluzioni nella banca dati del servizio di documentazione economica e finanziaria
  2. le risposte agli interpelli i documenti di sintesi in apposita sezione del sito internet dell'Agenzia

Le circolari e le risoluzioni sono pubblicate nella banca dati del servizio di documentazione economica e finanziaria, oltre che nel sito web dell'Agenzia delle entrate. Le risposte alle istanze e documenti di sintesi sono invece disponibili in un'apposita sezione del sito delle Entrate. La pubblicazione avviene nel rispetto delle previsioni normative in materia di protezione dei dati personali e nei soli casi in cui sussista un prevalente e contrapposto interesse pubblico o privato. In buona sostanza è impossibile risalire all'identità del contribuente non solo sulla base dei dati personali, ma anche del caso oggetto dell'interpello. Insomma, la privacy è garantita sia in maniera diretta e sia indiretta.

Perché online le risposte ai cittadini

Alla base di questa decisione c'è la possibilità concessa al contribuente di interpellare l'amministrazione per ottenere una risposta riguardante casi concreti e personali in relazione alle ipotesi previste. La scelta si lega al principio di trasparenza dell'azione amministrativa ed è effettuata al fine di favorire l'efficacia, l'imparzialità e la pubblicità, consentendo al contribuente la più ampia conoscenza di tutte le soluzioni interpretative adottate dell'Agenzia nell'ambito dell'istituto dell'interpello. Non solo, ma i nuovi rafforzati obblighi di trasparenza rendono quanto mai essenziale che trovino applicazione le regole di riparto di competenze tra le strutture regionali e quelle centrali dell'Agenzia in materia di istanze di interpello e consulenza giuridica.