Eludere il fisco: la flat tax utilizzata per pagare meno tasse

L'adesione alla flat tax non conosce differenze d'età e dai 18 agli oltre 65 anni si registra una crescita dell'accettazione alla tassa piatta.

Eludere il fisco: la flat tax utilizzata

Flat tax 2019 per pagare meno tasse


Sono i numeri a rivelare la crescita dell'apertura di partite Iva in Italia. E quasi tutti in regime di flat tax ovvero con quel regime forfettario in vigore anche lo scorso anno, ma che da quest'anno ha visto aumentare le soglie di ricavi fino più che raddoppiarle. E la convenienza di questo regime è presto detta: la possibilità di pagare le imposte con aliquota unica del 15%.

Va da sé che non è possibile parlare di convenienza assoluta perché l'adesione alla flat tax 2019 comporta anche una serie di limiti. Su tutti l'impossibilità di detrarre le spese per l'esercizio della propria attività- Di conseguenza il reale interesse va valutato in base alla situazione personale. Ma nonostante questo il sospetto del fisco è che in molto abbiamo aderito a questo regime solo per pagare meno tasse.

Flat tax 2019 per pagare meno tasse

Al di là del torrente di numeri sulle aperture di partite Iva, due dati meritano di essere segnalati. In prima battuta l'adesione alla flat tax non conosce differenze d'età e dai 18 agli oltre 65 anni si registra una crescita dell'accettazione alla tassa piatta. In seconda battuta, sono soprattutto ex dipendenti e pensionati a fare registrare quote più elevate. Come dire, questa è la strada maestra per rilanciarsi nel mercato del lavoro da parte di chi - anche per ragioni anagrafiche - ne è rimasto fuori.

E poi, più in generale la flat tax appare una buona ragione per uscire dall'economia sommersa (il cosiddetto nero) per via della sua semplificazione e il prelievo ridotto o ridottissimo. Questa è la fotografia scattata dal dipartimento delle Finanze del Ministero dell'Economia:

  1. fino a 35 anni +8,51% di apertura di partite Iva in regime di flat tax rispetto allo scorso anno
  2. da 36 a 50 anni +13,14% di apertura di partite Iva in regime di flat tax rispetto allo scorso anno
  3. da 51 a 65 anni +26,5% di apertura di partite Iva in regime di flat tax rispetto allo scorso anno
  4. oltre i 65 anni +39,2% di apertura di partite Iva in regime di flat tax rispetto allo scorso anno

Problemi flat tax 2019

Il problema è in realtà un altro e riguarda quello che alcuni osservatori considerano furbizie per pagare meno tasse e che hanno portato alla frammentazione degli studi associati di professionisti e delle piccole società di persone che uniscono artigiani e commercianti. Le regole parlano chiare: è possibile aderire a questo regime se il tetto dei ricavi annuali è inferiore a 65.000 euro. Basta un euro in più per pagare più imposte e nel caso di sforamento della soglia di 100.000 si entra nel regime ordinario delle partite Iva con tutti i costi supplementari che comporta.

Ecco allora che c'è chi fa notare che molte delle circa 18.000 nuove partite Iva in regime di flat tax siano solo riconversioni verso la più vantaggiosa partita Iva individuale. Secondo il Ministero dell'Economia la flat tax 2019 ha comportato un duplice effetto: l'aumento complessivo delle aperture di partita Iva e la ricomposizione delle aperture a favore della natura giuridica persona fisica e a sfavore delle forme societarie.

Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il