Fattura elettronica, emissione in ritardo fattura 2019-2020. Cosa fare, soluzioni

di Marianna Quatraro pubblicato il
Fattura elettronica, emissione in ritard

Fattura elettronica ritardo emissione Cosa fare soluzioni

Cosa succede in caso di emissione in ritardo di fattura elettronica 2020: sanzioni previste e cosa fare. Chiarimenti e informazioni

E’ ormai obbligatoria per tutti l’emissione di fatture elettroniche non solo tra Pubbliche amministrazioni ma anche tra privati e sono serrate l regole che disciplinano invii e tempi di emissione delle fatture stesse con il rischio di incorrere in immediate sanzioni nei casi di trasgressione delle norme. Per mancate emissioni di fatture o ritardi sono, infatti, previste sanzioni. Ci sono soluzioni per evitare di incorrere in sanzioni per emissione in ritardo delle fatture 2019-2020?

Ritardo emissione fattura elettronica 2019-2020 cosa fare

Stando a quanto previsto dalle leggi in vigore, per l’emissione in ritardo di una fattura elettronica 2019-2020 sono previste sanzioni. L’emissione della fattura elettronica deve, infatti, obbligatoriamente avvenire nel momento in cui si effettua l’operazione imponibile, con un eventuale ritardo di 12 giorni. Se il ritardo di emissione della fattura elettronica supera quest’arco di tempo è prevista una sanzione.

Trascorso, infatti, il periodo di transitorio del primo semestre 2019 che prevedeva una attenuazione o annullamento delle sanzioni per la tardiva emissione della fattura elettronica a causa di eventuali problemi tecnici che si potevano riscontrare, attualmente per la fatturazione elettronica o registrazione tardiva è, in particolare, prevista una sanzione dal 90% al 180% dell’imposta, a partire da un importo minimo di 500 euro. La sanzione è compresa tra 250 e 2.000 mila quando la violazione non ha inciso sulla corretta liquidazione del tributo.

In molti si chiedono se ci sono soluzioni per evitare sanzioni per ritardi di emissione di una fattura elettronica che possono magari dipendere da problemi tecnici di invio. In realtà, è bene sapere che una volta fatta la fattura e trasmessa al sistema di interscambio Sdi dell’Agenzia delle Entrate, la fattura si considera emessa a tutti gli effetti.

Nel caso di ritardi, però, ma di emissione della fattura nei termini utili per la liquidazione Iva, evitare le sanzioni non è possibile ma è possibile ridurre le somme sanzionatorie da pagare ricorrendo al ravvedimento operoso che prevede sanzioni ridotte e che sono:

  • 250 euro sanzione base;
  • 1/9 se la regolarizzazione della tardiva fattura avviene entro 90 giorni dalla data di omissione o dell’errore;
  • 1/8 se avviene entro il termine di presentazione della dichiarazione Iva relativa all’anno in cui è stata commessa la violazione;
  • 1/7 se avviene entro il termine di presentazione della dichiarazione Iva relativa all’anno successivo in cui è stata commessa la violazione;
  • 1/6 se avviene oltre il termine di presentazione della dichiarazione Iva relativa all’anno successivo in cui è stata commessa la violazione.

Cosa fare per emissione fattura mancata

Considerando che l’emissione della fattura elettronica deve obbligatoriamente avvenire nel momento in cui si effettua l’operazione imponibile, con un eventuale ritardo di 12 giorni, chi emette fattura in ritardo e se ne accorge può ricorrere al ravvedimento ma chi non emette la fattura nei tempi previsti va certamente incontro ad una sanzione compresa tra il 90% e addirittura il 180% dell’imponibile che si sarebbe pagato nel caso in cui la fattura fosse stata emessa regolarmente.

La sanzione si riduce se la fattura non emessa riguarda operazioni non imponibili ai fini Iva o esenti e in tal caso è compresa tra il 5% e il 10% dei corrispettivi omessi o non registrati completamente, da un minimo di 516 euro.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: