Indennizzo commercianti 2019 per chi chiude l'attività. A chi spetta e come funziona

di Marianna Quatraro pubblicato il

Cos’è e come funziona l’indennizzo commercianti 2019: requisiti richiesti, come fare domanda e importo previsto

Indennizzo commercianti 2019 per chi chi

Indennizzo commercianti chiusura attivita come funziona

La crisi economica e del commercio continua a mietere vittime: negli ultimi anni sono tantissimi i negozi e le attività commerciali che sono state costrette a chiudere a causa della crisi e per fallimento, con grande dolore degli stessi commercianti, di chi ha dedicato, nella maggior parte dei casi, la vita a mandare la propria attività e improvvisamente si ritrova con nulla. Colpa di una crisi che, come continuano a dimostrare le ultime notizie sulle condizioni di vita degli italiani, non ha e non lascia scampo a nessuno, pesando su tutti. Esiste però una forma di indennizzo che viene erogato ai commercianti che chiudono l’attività. Come funziona l'indennizzo commercianti e per chi vale?

Indennizzo commercianti 2019: di cosa di tratta e requisiti

Stando a quanto confermano le ultime notizie, la Legge di Bilancio 2019 prevede l’erogazione di un indennizzo ai commercianti iscritti all’apposita gestione Inps in caso di cessazione per tutto il periodo compreso tra il momento della chiusura dell’attività e il raggiungimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia, cioè 67 anni di età, e almeno 20 anni di contributi. L’importo lordo riconosciuto per il 2019 è pari a 513,01 euro e viene riconosciuto solo se il commerciante risponde, chiaramente, a determinati requisiti.

L’indennizzo commercianti 2019, che viene erogato solo ed esclusivamente in caso di chiusura definitiva dell’attività, può essere, infatti, richiesto da:   

  1. chi ha più di 62 anni se uomini e più di 57 anni se donne;
  2. soggetti che al momento di cessazione dell’attività siano iscritti da almeno 5 anni (in qualità di titolari o coadiutori) nella Gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli esercenti attività commerciali presso l’Inps
  3. soggetti che esercitano commercio al minuto e loro coadiutori;
  4. soggetti che esercitano, in qualità di titolari o coadiutori, attività commerciale al minuto in sede fissa, anche abbinata ad attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande;
  5. soggetti esercitano attività commerciale su aree pubbliche.   

Per ricevere l’indennizzo è, inoltre, richiesta la cancellazione del titolare dell’attività dal registro degli esercenti il commercio e dal registro delle imprese presso la CCIAA.

Indennizzo commercianti 2019: come funziona e regole

Per avere il cosiddetto bonus per i commercianti, bisogna presentare apposita domanda all’Inps, compilando un modulo specifico, accompagnato da altra documentazione come copia del certificato di restituzione della licenza e autocertificazione dello stato di famiglia, e seguendo le istruzioni. La misura sarà finanziata con un aumento dell’aliquota contributiva per gli iscritti alla gestione commercianti Inps e a partire dal primo gennaio 2019 la contribuzione aggiuntiva è pari allo 0,09%.

La domanda per la richiesta dell'indennizzo commercianti 2019 può essere presentata o direttamente online sul sito Inps inserendo il proprio Pin; o contattando telefonicamente il numero verde Inps; o rivolgendosi a Caf o altri intermediari autorizzati. Una volta presentata la domanda, l'Istituto di Previdenza, in 30 giorni, deve verificare i requisiti dichiarati dal richiedente e dare risposta alla domanda. E' bene sottolineare che l’erogazione dell’assegno per cessazione dell’attività commerciale è incompatibile con lo svolgimento di attività di lavoro autonomo e con redditi da lavoro dipendente.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: