Isa, novitÓ proroga e modifiche oggi lunedý 8 Settembre a nuovo Ministro Economia ed Agenzia Entrate

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Isa, novitÓ proroga e modifiche oggi lun

Isa 2019: proroga o modifica

Commercialisti e consulenti non hanno perso tempo e hanno giÓ chiesto al nuovo esecutivo di intervenire in tempi rapidi ovvero entro il 30 settembre 2019.

Arrivano da più parti le critiche agli Isa 2019 e aumenta il numero dei commercialisti che chiede la modifica delle normativa o la proroga dei tempi di applicazione dello strumento che ha preso il posto degli studi di settore. Ma l'Agenzia delle entrate sembra non voler concedere alcuno sconto e ha da poche ore messo a disposizione sul proprio sito web il pacchetto dei controlli telematici Isa 2019 per l'invio della dichiarazione dei redditi, incluso il modello relativo agli indicatori sintetici di affidabilità fiscale.

E a dimostrazione dei suoi sforzi ricorda la proroga al 30 settembre 2019 (rispetto alla scadenza iniziale del 30 giugno 2019) dei tempi di pagamento per i contribuenti che esercitano attività per le quali sono stati approvati gli Isa 2019.

Isa 2019: proroga o modifica per i commercialisti?

Introdotti dallo scorso anno, gli Isa sostituiscono gli studi di settore e sono il nuovo strumento con cui l'Agenzia delle entrate punta a verificare il livello di affidabilità fiscale dei lavoratori autonomi e delle imprese. Tutti loro si considerano però impreparati ad affrontare questo adempimento fiscale per via del ritardi con cui è stata avviata l'operazione, ma anche per l'introduzione di aggiornamenti nel cuore dell'estate.

Commercialisti e consulenti non hanno perso tempo e hanno già chiesto al nuovo esecutivo (al nuovo ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri) di intervenire in tempi rapidi ovvero entro il 30 settembre per risolvere la questione. La richiesta è di rendere facoltativi gli Isa nel 2019 per poi far scattare l'obbligatorietà il prossimo anno.

Più facile a dirsi che a farsi perché l'ostacolo maggiore, in relazione alle dichiarazioni dei redditi 2019, resta il gettito minore da evitare rispetto agli studi di settore. C'è stato perfino chi, come il Sole 24 Ore, ha provato a stimare le coperture che servono per assecondare le richieste dei commercialisti, scoprendo che si aggirano intorno a 800 milioni di euro.

Una cifra già elevata di per sé, ma che appare quasi impossibile da trovare perché il nuovo governo è in fase di insediamento e la priorità in vista della legge di Bilancio di fine anno è evidentemente quella di trovare le coperture per sterilizzare gli aumento dell'Iva dal prossimo anno per via dell'attivazione delle clausole di salvaguardia.

Gli Isa 2019 sono affidabili?

Sulla base della normativa approvata sugli Isa 2019, in base al valore raggiunto nella pagella fiscale, i contribuenti possono ottenere premi come l'esclusione da alcuni tipi di controlli o il beneficio della riduzione dei termini per gli accertamenti da parte dell'Agenzia delle entrate fino al punto di ottenere l'esonero dall'apposizione del visto di conformità per la compensazione dei crediti d'imposta. Ma per il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili c'è un errore di fondo ovvero la non affidabilità di questo strumento in seguito ai cambiamenti introdotti in estate sul software e sui dati precompilati per alcune categorie.

Da qui la richiesta ancora più convinta di prevedere la facoltatività degli indici sintetici di affidabilità fiscale per il loro primo anno di applicazione e di renderli validi sono a fini statistici.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: