Iva: i prodotti con aumento al 25%. Ecco la lista

Scoprire la lista dei prodotti che saranno coinvolti dall'aumento dell'Iva al 25% rischia di far venire qualche mal di pancia di troppo. Ed è solo parziale.

Iva: i prodotti con aumento al 25%. Ecco

Iva: i prodotti con aumento al 25%


Come un funambolo di altri tempi, l'Italia continua a muoversi sul filo del rasoio con l'aumento dell'Iva pronto a scattare da un momento all'altro. Significa che se con la legge di Bilancio l'esecutivo non riuscirà a far quadrare i conti, allora scatterà l'ennesimo rialzo dell'Imposta sul valore aggiunto. Tradotto: tutti i prodotti che acquistiamo saranno più cari e i maggiori ricavi non finiranno nelle tasche di commercianti e venditori, ma dello Stato. L'Iva è infatti una tassa indiretta vera e propria. E l'aumento in cantiere non è di poco conto perché è dal 22 al 25% e dal 10% al 13%, in base alla situazione di partenza. L'innalzamento dell'Iva fa parte delle cosiddette clausole di salvaguardia, quelle che scatteranno nel caso in cui i conti dell'Italia siano sballati tra entrate e uscita, tra taglio della spesa pubblica e investimento di denaro pubblico, aumento del livello di produzione e sanatorie.

Iva: su quali prodotti aumenterà al 25%

Tanto per dare l'idea della montagna di soldi di cui ha bisogno adesso il governo per compensare scelte sbagliate e improduttivi, servono 12,4 miliardi di euro per il 2019 e 19,2 miliardi di euro per il 2020. Se non riuscirà a trovarli, allora l'aumento dell'Iva sarà inevitabile. Si tratta della strada più facile per raccattare soldi? Probabilmente sì, con la nota negativa che l'aggravio sarà tutto a carico dei consumatori. Scoprire la lista dei prodotti che saranno coinvolti dall'aumento dell'Iva al 25%, rischia di far venire qualche mal di pancia di troppo:

  1. acque minerali, bevande analcoliche, succhi di frutta e verdura, alcolici, vini e tabacchi nel settore bevande e tabacchi
  2. apparecchi audiovisivi, informatici, fotografici e cinematografici
  3. apparecchi di ricezione, registrazione, riproduzione di suoni e immagini
  4. articoli da giardinaggio
  5. articoli da viaggio come borse e valigie
  6. articoli di cartoleria e da disegno
  7. automobili, motocicli e biciclette con tanto di pezzi di ricambio e gli accessori
  8. giochi e parchi divertimento
  9. gioielli
  10. l'intero settore di abbigliamento e calzature
  11. l'intero settore di mobili, articoli e servizi per la casa
  12. l'intero settore di settore elettrodomestici e utensili
  13. lezioni e corsi per attività ricreative
  14. parrucchiere e trattamenti di bellezza
  15. piatti pronti nel settore dei prodotti alimentari
  16. prodotti per animali e veterinari
  17. servizi di telefonia e fax
  18. servizi legali e di contabilità
  19. servizi sportivi
  20. stabilimenti balneari
  21. strumenti musicali

E c'è l'Iva dal 10% al 13%

L'altro incubo per i consumatori è il ritocco all'insù dell'Iva agevolata, dal 10% al 13%, che riguarda tantissimi prodotti alimentari: alimenti per bambini; caffè, tè, cacao e cioccolato in polvere; carni e salumi; cereali per colazione; latte conservato, yogurt, formaggi e latticini, uova; lieviti e altri preparati alimentari; oli alimentari, vegetali secchi o trasformati o conservati; pesci e frutti di mare freschi, refrigerati o surgelati; prodotti di panetteria e pasticceria; sale, spezie ed erbe aromatiche; salse e condimenti; zucchero, confetture, marmellate e miele, cioccolato, confetteria e gelati.