Multe fisco, fatturazione elettronica, scontrino elettronico. Tutte le novità dal 1 Luglio 2019 e proroga richiesta

Quali sono le novità fiscali che si preparano a debuttare dal primo luglio e cosa prevedono da scontrino elettronico a sistema di opposizione a multe fiscali

Multe fisco, fatturazione elettronica, s

Multe fisco fatturazione scontrino elettronico luglio prorghe

Sono diverse le novità fiscali che si preparano a debuttare dal prossimo primo luglio 2019, dall'arrivo dell'ormai tanto discusso scontrino elettronico. Ma non solo. Considerando, però, i soliti accavallamenti di debutti e novità sono già state presentate richieste di proroga, per esempio dello scontrino elettronico d è probabile che le scadenze fissato possano cambiare.

Entro il 30 giugno, infatti, il Parlamento deve convertire il Decreto Crescita in legge e potrebbe essere occasione per approvare alcune delle proroghe richieste. Vediamo, dunque, cosa dovrebbe cambiare da un punto di vista fiscale dal primo luglio.

Multe fiscali: cosa cambia

Dal primo luglio diventa obbligatoria la procedura di opposizione alle multe fiscali esclusivamente online e perché i procedimenti vadano avanti senza problemi sarà necessario dotarsi di specifici software, cosa che al momento non sembra stia procedendo effettivamente come dovrebbe e se i tempi continueranno ad essere lenti, le opposizioni alle multe fiscali si risolverebbero solo in un gran caos.

Dal primo luglio, dunque, diventa obbligatorio l’impiego del solo canale telematico per la presentazione di ogni genere di ricorso fiscale, in commissione tributaria, provinciale o regionale.

Fatturazione elettronica: le novità da luglio

Dopo il debutto dal primo gennaio 2019 del sistema di fatturazione elettronica, dal primo luglio il nuovo sistema sarà esteso ad altri 3,2 milioni di contribuenti che, stando a quanto riportano le ultime notizie, dovranno emettere la fattura elettronica entro dieci giorni dall'operazione, che potrebbero essere prorogati a 15 giorni, ma oltre qualche giorno di ritardo, si rischia di incorrere in pesanti sanzioni.  

L'obbligo di fatturazione obbligatoria da gennaio interessa non solo i rapporti con la Pubblica Amministrazione ma anche i rapporti tra privati (operazioni B2B) e da luglio dovrà interessare ulteriori contribuenti. Per l’emissione della fattura elettronica si possono usare diversi canali dall’app dedicata, a software da installare sui propri pc, alla procedura web messa a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. Per chi non avesse ancora dimestichezza con il servizio, sul sito dell'Agenzia delle Entrate è disponibile una guida per capire procedura e compilazione della nuova tipologia di fattura e nella sezione tematica.

Scontrino elettronico dal primo luglio: cosa cambia e proroga richiesta

A far compagnia al nuovo sistema di fatturazione elettronica, dal primo luglio arriva anche lo scontrino elettronico. Si tratta di una novità che interesserà, come confermano le ultime notizie, in un primo momento esercenti che registrano ricavi superiori a 400mila euro, mentre da gennaio 2020 la novità sarà poi estesa a tutti gli esercenti.

Il debutto dello scontrino elettronico implica la necessità per gli stessi commercianti di sostituire i vecchi registratori di cassa con nuovi registratori in grado di memorizzare e trasmettere i dati digitali direttamente all’Agenzia delle Entrate. Per l’acquisto dei nuovi registratori di cassa sono previsti sconti in credito di imposta del 50%.

Tuttavia, Confesercenti, Confcommercio e altre associazioni del settore hanno chiesto una proroga del debutto dello scontrino elettronico per tutti a gennaio 2020 considerando che il tempo per adattarsi ai nuovi sistemi necessari, come il nuovo registratore di cassa, sono stretti.

I nuovi registratori di cassa digitali sono dotati di specifico software per l’invio dei dati al Fisco e dovranno essere posizionati entro 75 giorni. Il vantaggio dello scontrino fiscale è che tutti gli incassi della giornata vengono trasmessi subito telematicamente all’Agenzia delle Entrate per confrontare al momento le vendite e confrontare l’Iva incassata e quella pagata per il magazzino.


 

Ti è piaciuto questo articolo? star

Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il