Pace fiscale avanza, 3,5 miliardi è l'obiettivo.

Trapela una prima stima perché lo Stato potrebbe finire per incassare circa 3,5 miliardi di euro, utili come coperture per altri provvedimenti.

Pace fiscale avanza, 3,5 miliardi è l

Pace fiscale da gennaio 2019


C'è già una data da segnare sul calendario ed è quella di gennaio 2019. Nelle intenzione del governo, dall'inizio del prossimo anno i contribuenti in difficoltà hanno la possibilità di rimettersi in regola con il fisco. Si tratta della cosiddetta pace fiscale e il provvedimento potrebbe essere inserito nel decreto fiscale collegato alla legge di Bilancio. La modalità di azione sarebbe insomma la stessa vista lo scorso anno. Stando infatti a quanto trapela da Palazzo Chigi, è proprio questa una della strade che intende percorrere l'esecutivo per quella rivoluzione fiscale che comprende anche altri passaggi. Ma da questa, come annunciato anche in sede di campagna elettorale, non si prescinde.

Pace fiscale da gennaio 2019

Tra i mezzi per coprire la manovra del 2019, oltre a un aumento del disavanzo pubblico, il governo ipotizza una pace fiscale. Senza troppi giri di parole e al di là delle finezze terminologiche, si tratta di una sanatoria delle cartelle Equitalia. Restano naturalmente da conoscere tutti i dettagli, ma la volontà è di assicurare un maggior respiro ai contribuenti italiani. I contenuti sono ancora allo studio e l'intenzione è di evitare la sovrapposizione della pace fiscale con la rottamazione delle cartelle, le cui operazioni sono ancora in corso. In ogni caso trapela anche una prima stima perché lo Stato potrebbe finire per incassare circa 3,5 miliardi di euro, utili come coperture per altri provvedimenti.

Si tratta dunque di una misura una tantum e non a caso l'esecutivo sta anche pensando ad altri provvedimenti, come la revisione, con l'accorpamento e la razionalizzazione, delle detrazioni e deduzioni fiscali. In vista anche una sforbiciata ai privilegi previdenziali. Come spiegato dal vicepremier Luigi Di Maio, già ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro, se con il Tesoro riusciranno a trovare soluzioni su flat tax, pace fiscale, Legge Fornero e reddito di cittadinanza senza sforare i parametri di bilancio, ben venga. Ma i parametri - precisa - non devono darci modo di dire quanto è possibile fare, altrimenti questo governo verrà considerato come tutti gli altri.