Domande bonus 600 euro oggi 1 aprile su sito INPS per partite Iva, cococo, stagionali, collaboratori sportivi

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Domande bonus 600 euro oggi 1 aprile su

Partite Iva, cococo, stagionali, collaboratori sportivi

Chi è iscritto all'Inps può dormire sonni tranquilli, quelli che fanno riferimento alle casse previdenziali private devono invece fare i conti con la limitatezza delle risorse.

Al via oggi 1 aprile 2020 l'accettazione delle domande per ricevere il bonus di 600 euro per compensare le perdite subite nel mese di marzo per via della diffusione del coronavirus.

Per la presentazione della richiesta, partite Iva, cococo, stagionali, braccianti agricoli, collaboratori sportivi devono procedere esclusivamente in via telematica e hanno 30 giorni di tempo ovvero fino al 30 aprile 2020.

Ma c'è un importante dettaglio da chiarire: chi è iscritto alla gestione separata dell'Inps può dormire sonni relativamente tranquilli, quelli che invece fanno riferimento alle casse previdenziali private devono invece fare i conti con la limitatezza delle risorse.

In buona sostanza, solo i primi che presenteranno la domanda possono avere reali possibilità di ricevere l'indennità di 600 euro una tantum per il solo mese di marzo.

Tutti gli altri finiranno in lista di attesa e potranno ricevere il bonus solo se il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali deciderà di rifinanziarlo. Entriamo allora nei dettagli della normativa d'emergenza sulla base delle ultime indicazioni fornite dall'Inps. E più esattamente vediamo

  • Coronavirus, bonus 600 euro: domande da oggi 1 aprile
  • Destinatari partite Iva, cococo, stagionali, collaboratori sportivi

Coronavirus, bonus 600 euro: domande da oggi 1 aprile

Al pari di tutte le prestazioni erogate dall'Inps, anche nel caso della presentazione della domanda per accedere al bonus di 600 euro occorre fare riferimento al portale dell'Istituto di previdenza e accreditarsi con le credenziali ammesse.

Si tratta della Spid di livello 2 o superiore, della Carta di identità elettronica 3.0, della Carta nazionale dei servizi e del Pin. In tutti questi casi i tempi di attivazione non sono immediati e così governo e Inps hanno creato la procedura facilitata per la gestione del Pin.

In buona sostanza occorre fare richiesta via telefonica (chiamando il numero verde 803 164 da rete fissa o il numero a pagamento 06 164164 da rete mobile) o via web (attraverso il sito Inps utilizzando il servizio Richiesta Pin), dopodiché sarà sufficiente utilizzare solo la prima parte composta da 8 cifre e inviata in tempi praticamente imminenti via posta elettronica o via sms sul cellulare.

Non ci sarà quindi bisogno di inserire anche le 8 cifre della seconda parte del Pin che sono spedite solo in un secondo momento con i canali postali. A quel punto, con il Pin in mano, è possibile collegarsi al sito dell'Inps e presentare la domanda.

Destinatari partite Iva, cococo, stagionali, collaboratori sportivi

Il bonus di 600 euro non è compatibile né con la pensione e né con il reddito di cittadinanza e richiede l'iscrizione alla gestione separata dell'Istituto nazionale della previdenza sociale.

Destinatari sono infatti braccianti agricoli, lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali, lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell'Assicurazione generale obbligatoria, lavoratori dello spettacolo, professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ultime Notizie