Industria 4.0: come funziona, i vantaggi e che cos'è.Quali aziende e chi tra imprese, liberi professionisti p.iva, Pmi può entrare

Le principali agevolazione del progetto Industria 4.0 in attesa delle istruzioni ufficiali del Ministero per lo Sviluppo Economico.

Industria 4.0: come funziona, i vantaggi

Industria 4.0: quali agevolazioni per le imprese

AGGIORNAMENTO: La scommessa del progetto Industria 4.0 è far diventare l'Italia la patria delle opportunità e delle possibilità per gli italiani ma anche per gli investitori stranieri. Una scommessa su cui il governo punta in maniera decisa annunciando in tutto ventitrè miliardi di euro in quattro anni ovvero tredici miliardi di euro di incentivi fiscali e dieci di euro di investimenti. 

Arrivano in questo 2017 le prime agevolazioni del progetto Industria 4.0. I destinatari? Le imprese che operano in meccatronica, robotica, big data, sicurezza informatica, nanotecnologie, sviluppo di materiali intelligenti, stampa 3D, Internet delle cose. In questo contesto ci sono sette atenei coinvolti ovvero Politecnico di Torino, Politecnico di Milano, Politecnico di Bari, le università del Veneto aggregate in un unico polo, Ateneo di Bologna, Ateneo di Napoli, Ateneo Sant'Anna di Pisa. Anche se la legge è operativa, ci sono ancora molte incertezze su come agire dal punto di vista pratico e su come interpretare correttamente le norme, passaggio indispensabile perché gli strumenti previsti funzionino da incentivo all'acquisto.

Industria 4.0: quali agevolazioni

Il Ministero per lo Sviluppo Economico è prossimo all'invio di un messaggio di posta elettronica a un database di un milione di imprese potenzialmente interessate agli incentivi del progetto Industria 4.0, per chiarire come e quando possono essere utilizzati. Ed è in fase di realizzazione un manuale dettagliato destinato a commercialisti e periti, sempre a firma del Ministero dello Sviluppo Economico. In questo modo entro metà febbraio le imprese avranno tutte le informazioni sufficienti.

Tradotto in termini pratici, i provvedimenti principali sono 4:

  1. la proroga del superammortamento al 140%,
  2. l'introduzione di un iperammortamento al 250% per gli investimenti in industry 4.0,
  3. l'aumento del credito d'imposta dal 25% al 50% sulle spese in ricerca e sviluppo superiori alla media degli ultimi tre anni
  4. le detrazioni fiscali al 30% per investimenti fino a un milione di euro in piccole e medie imprese innovative

Incentivi Industria 4.0 e tecnologie abilitanti

La scommessa del progetto Industria 4.0 è far diventare l'Italia la patria delle opportunità e delle possibilità per gli italiani ma anche per gli investitori stranieri. Una scommessa su cui il governo ora punta annunciando in tutto 23 miliardi di euro in quattro anni ovvero 13 miliardi di euro di incentivi fiscali e 10 di euro di investimenti. Sono attesi maggiore flessibilità attraverso la produzione di piccoli lotti ai costi della grande scala, maggiore velocità dal prototipo alla produzione in serie attraverso tecnologie innovative, maggiore produttività attraverso minori tempi di set-up, riduzione errori e fermi macchina, migliore qualità e minori scarti mediante sensori che monitorano la produzione in tempo reale, maggiore competitività del prodotto grazie a maggiori funzionalità derivanti dall'Internet delle cose.

Le tecnologie abilitanti sono

  1. Robot collaborativi interconnessi e rapidamente programmabili
  2. Stampanti in 3D connesse a software di sviluppo digitali
  3. Realtà aumentata a supporto dei processi produttivi
  4. Simulazione tra macchine interconnesse per ottimizzare i processi
  5. Integrazione informazioni lungo la catena del valore dal fornitore al consumatore
  6. Comunicazione multidirezionale tra processi produttivi e prodotti
  7. Gestione di elevate quantità di dati su sistemi aperti
  8. Sicurezza durante le operazioni in rete e su sistemi aperti
  9. Analisi di un'ampia base dati per ottimizzare prodotti e processi produttivi

Ti è piaciuto questo articolo? star

Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il