Liquidazione periodica Iva: comunicazione Agenzia Entrate in arrivo su regola e proroga

Attesa già per oggi la comunicazione dell'Agenzia delle entrate con chiarimenti sulla liquidazione Iva e l'ufficialità della proroga.

Liquidazione periodica Iva: comunicazion

Proroga liquidazione Iva maggio 2017

C'è una questione che intorno alla liquidazione periodica Iva sta provocando dubbi e incertezze. Al di là della proroga, resta da capire se sarà confermato l'orientamento del mancato obbligo di comunicazione per i soggetti Iva che non hanno effettuato alcuna operazione attiva e passiva ovvero che hanno una liquidazione Iva pari a zero. La sola eccezione è nel caso di un credito precedente. Il problema è che l'Agenzia delle entrate non ha ancora fornito alcuna comunicazione ufficiale. Potrebbe farlo già oggi pomeriggio venerdì 26 maggio 2017, insieme alla conferma della proroga dei tempi di trasmissione della liquidazione Iva al 12 giugno anziché all'iniziale 31 maggio.

Liquidazione periodica Iva: tante le particolarità

Ai file contenenti le comunicazioni relative alla liquidazione trimestrale dell'Iva, specifica con attenzione l'Agenzia delle entrate, va apposta una firma digitale o, in alternativa, la firma elettronica basata sui certificati rilasciati dall'Agenzia. Quest'ultima può essere applicata con la funzionalità disponibile sulle piattaforme Desktop Telematico ed Entratel Multifile. Allo stesso modo di quanto capita per la funzione di autentica, la firma può essere apposta con un'unica operazione su tutti i file selezionati. I soggetti che hanno accreditato un canale FTP per il colloquio con il Sistema di interscambio possono trasmettere attraverso lo stesso canale una o più comunicazioni firmate singolarmente con certificato qualificato oppure con certificato emesso dall'Agenzia delle entrate. Le comunicazioni possono essere inserite in un unico supporto e trasmesse secondo le modalità descritte nel documento Istruzioni per il Servizio SDIFTP versione 1.3.

Nelle ipotesi in cui il dichiarante sia una società che presenta la Comunicazione per la liquidazione trimestrale 2017 dell'Iva per conto di un altro contribuente, deve essere compilato anche il presente campo indicando in tal caso, nell'apposito spazio, il codice di carica corrispondente al rapporto intercorrente tra la società dichiarante e il contribuente. In tale ipotesi rientrano ad esempio la società nominata rappresentante fiscale da un soggetto non residente, la società che indica il codice carica 9 in qualità di società beneficiaria di società scissa o di società incorporante di società incorporata, la società che presenta la Comunicazione in qualità di rappresentante negoziale del contribuente.

Introdotto l'obbligo di trasmissione dei dati contabili relativi alle liquidazioni periodiche Iva, anche se evidenzia una posizione a credito d'imposta. L'adempimento deve essere effettuato in via telematica, su base trimestrale entro le stesse scadenze previste nella precedente comunicazione, ovvero entro l'ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre. Sono esonerati dalla comunicazione, oltre i contribuenti non obbligati alla dichiarazione Iva annuale, anche coloro che appartengono a speciali regimi semplificati. In base a una interpretazione della norma, i soggetti passivi che liquidano l'imposta su base mensile, sono chiamati ad adempiere a questa comunicazione con periodicità trimestrale, comunicando i dati delle tre liquidazioni mensili effettuate nel trimestre di riferimento.