Quando avverrà pagamento bonus 600 euro partita iva Aprile. Date dopo decreto ufficiale Maggio

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Quando avverrà pagamento bonus 600 euro

Bonus 600-1000 euro, quando il pagamento

Il governo ha ufficialmente approvato il bonus 600 euro che ricalca quello del mese precedente. L'Inps sta adesso riattivando le procedure con tutte le precauzioni del caso.

C'è anche il rinnovo del bonus di 600 euro tra le misure inserite nel decreto governativo di maggio. A riceverlo sono gli stessi destinatari del primo bonus di 600 euro ovvero partite Iva, professionisti e lavoratori autonomi.

Ma naturalmente anche altri, in possesso dei requisiti richiesti, potranno aggiungersi anche se non hanno presentato domanda oppure se la richiesta di accesso all'indennità è stata inizialmente rifiutata.

Attenzione alle date: il primo bonus di 600 euro è stato istituito per coprire le mancate entrate economiche del mese di marzo e l'erogazione è avvenuta nel mese di aprile ovvero a distanza di circa 15 giorni dal decreto Cura Italia che lo ha introdotto.

Il nuovo bonus di 600 euro rappresenta un ristoro per il mese di aprile, ma a oggi non c'è né il decreto che lo conferma e né sono state naturalmente attivate le procedure per la richiesta.

Certo, dovrebbero essere facilitate, ma rispetto a quanto è successo con la prima indennità è evidente il ritardo sulla tabella di marcia mentre le necessità dei lavoratori continuano a essere puntuali. Vediamo quindi

  • Bonus 600, quando il pagamento per le partite Iva

  • Tutte le nuove date possibili del nuovo bonus


 

Bonus 600, quando il pagamento per le partite Iva

Il governo ha ufficialmente approvato il bonus 600 euro che ricalca quello del mese precedente, che fa coppia con il secondo da 1.000 euro da legare al calo di almeno il 33% del fatturato. Ma quando avverrà il pagamento?

Se il bonus per il mese di marzo è stato bonificato sin dai primi giorni di aprile, considerando che solo poche ore fa è stato emanato il decreto sul bonus di 600 euro per il mese di aprile, il versamento è rinviato alla seconda metà del mese di maggio, ma non è da escludere che possa concretizzarsi proprio negli ultimi giorni.

L'Inps sta infatti riattivando le procedure con tutte le precauzioni del caso per evitare i malfunzionamenti della piattaforma e allo stesso tempo deve provvedere a raccogliere la prima parte delle domande degli interessati. Solo a quel punto potrà confermare il secondo bonifico di 600 euro.

Paradossalmente i tempi dovrebbero essere più brevi per il bonus di 1.000 euro perché l'impianto normativo è stato già stato approvato e occorre passare solo alla fase operativa, anche se occorre un passaggio supplementare all'Agenzia delle entrate per il controllo del reale calo del fatturato nei mesi del coronavirus e di quale entità.


 

Tutte le nuove date possibili del nuovo bonus

L'esecutivo e l'Inps non hanno quindi comunicato date sull'erogazione del bonus di 600 euro prima e di 1.000 euro poi per liberi professionisti e collaboratori coordinati e continuativi, lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell'Assicurazione generale obbligatoria, lavoratori stagionali dei settori del turismo e degli stabilimenti termali, lavoratori agricoli e lavoratori dello spettacolo.

Possiamo però ipotizzare l'erogazione della prima indennità nell'ultima settimana di maggio e la seconda dal 15 giugno in poi, ma non va esclusa la possibile unione per alcuni lavoratori ovvero la contemporanea erogazione, al netto naturalmente del possesso dei requisiti richiesti.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ultime Notizie