Partite Iva e professionisti quali sono premi fisco e come averli con i nuovi Isa 2019 (ex studi settore)

Addio agli studi di settore e spazio agli indici sintetici di affidabilità che misurano dati e informazioni relativi a più periodi d'imposta del contribuente.

Partite Iva e professionisti quali sono

Nuovi Isa 2019 (ex studi settore)

Tutto pronto per i debutto degli indici di affidabilità 2019 per partite Iva e professionisti. Che portano con sé la novità delle pagelle fiscali per ottenere i premi. E non si tratta di una formalità perché è indispensabile strappare almeno l'8 per beneficiare dei vantaggi derivanti dall'applicazione dei nuovi Isa 2019 mentre il 9 esclude dalle società di comodo. Liste selettive per i controlli con chi riceverà un voto pari o sotto la sufficienza.

La nuova circolare dell'Agenzia delle entrate è fondamentale per i chiarimenti sui nuovi Isa 2019 per partite Iva e professionisti, ma anche per gli intermediari e le deleghe per l'accesso ai dati necessari per l' applicazione degli Indici sintetici di affidabilità fiscale (ex studi settore).

Nuovi Isa 2019 (ex studi settore) per partite Iva e professionisti

Addio dunque agli studi di settore e spazio agli indici sintetici di affidabilità. Sono quegli indicatori che misurano dati e informazioni relativi a più periodi d'imposta. Con queste informazioni il fisco traccia la correttezza dei comportamenti fiscali dei contribuenti. E se risultano affidabili, sono premiati, siano essi imprese, società o professionisti.

Come ottenere i premi con i nuovi Isa 2019

Il primo passaggio fondamentale per ottenere i premi con i nuovi Isa 2019 è l'estrazione dati dall'archivio dell'anagrafe tributaria. Per effettuare la stima con l'applicazione degli Indicatori sintetici di affidabilità, il contribuente è chiamato a estrarre, di persona o tramite il professionista incaricato, alcuni dati presenti nell’anagrafe tributaria contenuti nel cassetto fiscale o con apposita delega. Entrando nel dettagli, le informazioni sono di due tipi.

Da una parte i dati presenti nel modello Isa compilato dal contribuente. Dall'altra quelli non presenti nel modello, come il reddito relativo ai sette periodi di imposta precedenti. Non si tratta di un'operazione facoltativa perché senza questa passaggio la stima non può essere effettuata.

Il secondo passaggio per ottenere i premi con i nuovi Isa 2019 ruota attorno agli indici di anomalia e confronto con banche dati esterne Gli indicatori sintetici di affidabilità prevedono infatti l'applicazione di alcuni indicatori per intercettare le anomalie del contribuente. Questi indicatori si basano su alcuni dati ben precisi presenti nell'anagrafe tributaria. Se le informazioni in possesso del contribuente dovessero essere differenti, allora è necessario correggere il disallineamento.

Se i dati continuassero a essere diversi, scatterà la segnalazione con l'attribuzione di un bassi punteggio. Per alcune categorie di professionisti il modello confronta il compenso medio con il livello minimo provinciale. Se la cifra è più bassa scatta l'anomalia con la riduzione del punteggio. Di conseguenza è vitale indicare correttamente il numero delle prestazioni. Infine, attenzione all'adeguamento nelle dichiarazioni. Il contribuente può dichiarare maggiori compensi rispetto alla contabilità scegliendo il livello da lui ritenuto sufficiente per avere un innalzamento del punteggio finale.

Ti è piaciuto questo articolo? star

Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il