Scontrino elettronico e corrispettivi cosa fare se Internet non va

di Marianna Quatraro pubblicato il
Scontrino elettronico e corrispettivi co

Scontrino elettronico cosa fare Internet non va

Obbligo per i commercianti di emettere lo scontrino o la ricevuta fiscale quotidianamente all’Agenzia delle Entrate: cosa fare se Internet non va

Dal primo gennaio 2020 tutti i commercianti sono obbligati ad emettere lo scontrino o la ricevuta fiscale quotidianamente all’Agenzia delle Entrate per comunicare i dati degli incassi della giornata rilevati nei propri registratori di cassa. Tutto avviene in maniera telematica. Ma cosa succede se Internet non va e se al momento della chiusura di cassa non si possono inviare i corrispettivi giornalieri?

Scontrino elettronico e corrispettivi cosa fare se Internet non va

Come trasmettere scontrino elettronico e corrispettivi se Internet non va? Quando Internet non va al momento della chiusura di cassa giornaliera il commerciante ha 12 ulteriori giorni di tempo per trasmettere i corrispettivi giornalieri.

E’, infatti, disponibile sul portale web Fatture e Corrispettivi una sezione dedicata alla procedure d’emergenza per permettere ad artigiani, commercianti o loro intermediari di assolvere agli obblighi di trasmissione dello scontrino elettronico anche quando il registratore telematico non funziona.

Per trasmettere i corrispettivi giornalieri entro i 12 giorni di tempo successivi si può scegliere tra le seguenti modalità:

  • o tramite i servizi messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate nella sezione Fatture e Corrispettivi- Corrispettivi, accedendo alla sezione Servizi per Gestore ed Esercente- Procedure di emergenza- Assenza di rete, effettuando l'upload del file XML dei corrispettivi (sigillato dall’RT) copiato su una memoria esterna (es. chiavetta USB);
  • o provando a riconnettere il registratore telematico alla rete internet.

Per trasmettere il file manualmente tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate il commerciante deve:

  • memorizzare gli incassi e predisporre il file XML dei corrispettivi;
  • sigillare in modalità elettronica il file;
  • estrarre il file XML sigillato con le funzionalità previste dal registratore telematico;
  • inviare all’Agenzia delle Entrate il file con i corrispettivi seguendo le Procedure di Emergenza.

Dopo questa procedura il file dello scontrino elettronico viene trasmesso all’Agenzia delle Entrate e i dati trasmessi vengono automaticamente collegati al commerciante proprietario del registratore di casa che ha generato il file XML.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ultime Notizie