Spesometro 2019 novitÓ proroga ufficiale non sicura oggi venerdý. Manca decreto. E altre richieste a Mef-Agenzia Entrate

Manca ancora il decreto attuativo per la proroga al 30 aprile dello spesometro 2019: ultime notizie ad oggi e altre richieste dai commercialisti

Spesometro 2019 novitÓ proroga ufficiale

Spesometro 2019 proroga non certa ulteriori richieste

Non è ancora certa la proroga dello spesometro, in quanto come è già successo altre volte, dopo la promessa fatta, manca il decreto che il presidente del Consiglio deve emanare e poi essere publicato sulla Gazzetta Ufficiale. E intanto la data ufficiale si avvicina, e rimangono sospese anche le altre novità di modifiche richieste dai commercialisti ad Agenzia Entrate, Mef e Ministero del Lavoro
 

Nonostante sia stata, a parole, confermata, la proroga dello spesometro 2019 non è ancora certa e sulle altre richieste presentate dai commercialisti ad Agenzia delle Entrate e Ministero dell’Economia nulla ancora si sa. Tutto ad oggi venerdì 22 Febbraio sembra sospeso e piuttosto incerto.

Spesometro 2019: proroga non certa e i motivi

La scorsa settimana, stando alle ultime notizie, la proroga dei termini di presentazione di spesometro ed esterometro sarebbe stata prorogata dal 28 febbraio, termine dell’attuale scadenza, al 30 aprile, mentre non si sarebbe parlato di alcuna proroga per la moratoria delle sanzioni per la fattura elettronica e per la scadenza della liquidazione dell'Iva dell'ultimo trimestre.

Ad annunciare la decisione di prorogare la scadenza di presentazione di spesometro 2019 ed esterometro, che riguarda i dati delle fatture da e verso l’estero che non passano dallo Sdi (Sistema di interscambio) dell’Agenzia delle Entrate, è stato il sottosegretario all’economia, Massimo Bitonci, che ha commentato la decisione come importante misura per permettere a commercialisti e altri operatori del settore di lavorare con maggiore tranquillità ma ad oggi giovedì la proroga pur se annunciata non è ancora certo perché manca ancora il decreto attuativo e fino a quando questo non arriverà si tratterà di un annuncio senza alcuna importanza, solo parole senza fatti. E ci chiede quando il decreto arriverà considerando che i tempi stringono e manca solo una settimana alla scadenza del 28 febbraio fissata per lo spesometro 2019.

Spesometro 2019 e altre richieste in sospeso: quali sono

Tuttavia il decreto attuativo per la proroga ufficiale dello spesometro 2019 dal 28 febbraio al 30 aprile non è l’unica mancanza ad oggi in tema fiscale. Considerando, infatti, i troppi adempimenti cui sono chiamati i commercialisti in questo mese di febbraio, gli stessi commercialisti hanno presentato a Ministero dell’Economia e Agenzia delle Entrate ulteriori richieste che prevedono:

  1. proroga moratoria sulle sanzioni per la tardiva trasmissione delle fatture elettroniche:
  2. proroga della scadenza della comunicazione delle liquidazioni periodiche Iva del quarto trimestre 2018;
  3. proroga della scadenza del termine di invio dei dati per la predisposizione delle dichiarazioni precompilate.

E hanno anche chiesto anche un nuovo calendario delle scadenze fiscali in programma a febbraio così riorganizzato:

  1. 16 marzo scadenza delle sanzioni per emissione tardiva delle fatture elettroniche dei contribuenti mensili;
  2. primo aprile termine per la comunicazione dati oneri deducibili e detraibili per dichiarazioni precompilate;
  3. primo aprile termine per la comunicazione delle CU;
  4. 15 aprile termine per la comunicazione dati fatture relativa al secondo semestre 2018 (o quarto trimestre 2018);
  5. 15 aprile termine per la comunicazione dati liquidazione periodica Iva del quarto trimestre;
  6. 30 maggio scadenza per la prima comunicazione mensile dati operazioni con soggetti non residenti.

Tuttavia, gli aggiornamenti sulle richieste di ulteriori proroghe e di un eventuale nuovo calendario fiscale sarebbero al momento, ad oggi giovedì, in sospeso perché stando alle ultime notizie nulla sarebbe arrivato in merito né dalle Entrate né dal Mef.