Tasse 2020 quando si pagano. Tutte le nuove date e scadenze dopo emergenza Coronavirus

di Marianna Quatraro pubblicato il
Tasse 2020 quando si pagano. Tutte le nu

Tasse nuove date scadenze dopo emergenza Coronavirus

Quali sono le nuove date di scadenza di pagamento delle tasse 2020: cosa cambia per l’emergenza coronavirus

Come cambiano le scadenze di pagamento delle tasse 2020 dopo l’emergenza coronavirus? L’epidemia di coronavirus che sta colpendo l’Italia, e il mondo intero, ha portato ad una serie di misure urgenti per la riorganizzazione del lavoro, sia in ambito pubblico che privato, ma anche per la riorganizzazione del calendario delle scadenze fiscali.

Cambiano, infatti, le date per il pagamento di alcune tasse 2020. Alcune, come quelle relative al pagamento delle imposte sugli immobili di Imu e Tasi, restano al momento invariate, ma altre, come quelle relative alle scadenze di presentazione delle dichiarazioni dei redditi cambiano. Vediamo quando si pagano le tasse 2020 con le nuove date dopo l’emergenza coronavirus.

Nuove scadenze 2020 modello 730 dopo emergenza coronavirus

A cambiare sono innanzitutto le date di scadenza di presentazione del modello 730 2020. Stando, infatti, a quanto confermano le ultime notizie, a causa dell’emergenza coronavirus, cambiano le date di scadenza per la presentazione del modello 730 e le nuove date sono:

  • 30 settembre (dal 23 luglio) per la presentazione del modello 730;
  • 31 marzo (dal 7 marzo) per la scadenza prevista per la trasmissione della Certificazione Unica;
  • 31 marzo (dal 28 marzo) per la scadenza della trasmissione da parte degli enti terzi, come banche e assicurazioni, o enti previdenziali, ecc, dei dati utili per la compilazione della dichiarazione precompilata per detrazioni e deduzioni spettanti;
  • 5 maggio (dal 15 aprile) per la disponibilità del modello 730 precompilato disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Nuove scadenze 2020 modello Unico dopo emergenza coronavirus

Se per la presentazione del modello 730 per la dichiarazione dei redditi sono cambiate tutte le date, al momento, stando a quanto riportano le ultime notizie, nulla dovrebbe cambiare per le date di presentazione del modello Unico 2020 per la dichiarazione dei redditi per Persone Fisiche. In tal caso, in particolare, sono previste le seguenti scadenze 2020:

  • 30 novembre per la trasmissione del Modello Unico in via telematica;
  • tra 2 maggio e 30 giugno per la presentazione del Modello Unico in forma cartacea presso gli uffici postali;
  • 31 ottobre invio delle Certificazioni Uniche degli autonomi.

Nuove date tasse 2020 Imu, Tasi, Tari

Nessuna novità per il pagamento delle imposte sugli immobili di Imu e Tasi, che al momento seguono il calendario fissato di pagamento dell’acconto il prossimo 16 giugno e pagamento del saldo il prossimo 16 dicembre. Diverso, invece, il caso della Tari, imposta sui rifiuti.

Se, infatti, nella maggior parte delle città italiane anche il pagamento della Tari resta invariato, con le due rate di pagamento stabilite dai singoli Comuni, che permettono anche il pagamento dell’importo Tari sui rifiuti in un’unica rata, sempre stabilita a discrezione dal singolo Comune, a Torino, al momento unica città in Italia, è stato cancellato il pagamento della Tari 2020.

La sindaca, Chiara Appendino, ha, infatti, deciso di posticipare il pagamento della Tari sui rifiuti solo per le utenze non domestiche ma non sono state ancora rese date le nuove date di scadenza 2020.

Tasse 2020 quando si pagano dopo emergenza coronavirus

A parte nuove date di scadenza per il modello 730 per la dichiarazione dei redditi, conferme per modello Unico per la dichiarazione dei redditi e imposte Imu, Tasi e Tari, a causa dell’emergenza coronavirus al momento non sono previste novità e slittamenti per quanto riguarda il pagamento di altre tasse, che sono comunque già più in avanti rispetto alle date già fissate per il 730.

Le date di scadenza di pagamento delle tasse 2020 sono, dunque, le seguenti:

  • 16 marzo 2020 per liquidazione Iva trimestrale;
  • 31 marzo per la trasmissione del modello EAS, obbligo per i soggetti del terzo settore per comunicare le variazioni intervenute nel corso del 2019 e utile per usufruire delle agevolazioni fiscali previste;
  • 16 giugno per saldo o primo acconto dell’anno in corso dell’Irap, imposta regionale sulle attività produttive, e 30 novembre per il secondo acconto;
  • 30 novembre per il pagamento Ires, Imposta sul reddito delle società, se si paga in un'unica rata se l'importo dell'acconto è pari 257,52 euro, se invece l'acconto è superiore a 257,52 euro si paga in due rate, le scadenze sono una il 30 giugno e una il 30 novembre;
  • 30 novembre per il pagamento Irpef che deve essere versato in una rata se l’acconto è inferiore a 257,52 euro e in due rate se l’acconto è pari o superiore a 257,52 euro, di cui la prima pari al 40% entro il 30 giugno (insieme al saldo) e la seconda, il restante 60%, entro il 30 novembre;
  • 18 maggio per la scadenza di pagamento per i titolari di partita IVA trimestrali di emissione delle fatture elettroniche relative alle operazioni effettuate nei mesi di gennaio, febbraio e marzo;
  • mese di maggio termine di scadenza per l’invio online del modello Intrastat per cessioni o prestazioni di servizi intracomunitari effettuati nel mese di aprile 2020 per i contribuenti con obbligo mensile (operazioni intra UE per più di 50mila euro a trimestre).
Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: