Verificare online i conguagli del Fisco spettanti, quanti soldi si devono ricevere

di Marianna Quatraro pubblicato il

Sarà possibile verificare la conferma che le risultanze contabili vengono gestite sulle prestazioni istituzionali tenendo presente il presupposto della sussistenza del rapporto di sostituzione

Verificare online i conguagli del Fisco

Scopri come verificare online i conguagli del Fisco spettanti dall'INPS

Ogni tanto una buona notizia per i contribuenti italiani. Anche se non si tratta ancora della tanto agognata riduzione del carico fiscale che in tanti aspettano da anni ormai senza però poter mai gioire concretamente visto che l’Italia continua a distinguersi per una pressione fiscale tra le più elevate al mondo, questa novità introduce maggiore chiarezza nel sistema fiscale italiano. 

È infatti ufficialmente possibile verificare online la propria posizione e se si ha diritto ai conguagli del fisco spettanti dall’Inps. Se ne parlava da tempo, ma solo adesso si arriva a un punto di arrivo che è il risultato di una serie di verifiche, testi e controlli. A comunicare la notizia ci ha pensato lo stesso Istituto nazionale di previdenza con un messaggio pubblicato sul proprio portale web.

Verificare online i conguagli del Fisco

Con questo messaggio l’Inps ha voluto informare i contribuenti, che hanno presentato il modello 730/4, indicando l’istituto previdenziale italiano come sostituto d’imposta per l’effettuazione dei conguagli fiscali, sulla possibilità di verificare online i conguagli del Fisco. Sul sito dell’Inps sarà possibile dunque verificare la ricezione delle risultanze contabili, con l’indicazione anche dei relativi importi e la denominazione del soggetto che ha effettuato l’invio. 

Inoltre sarà possibile verificare la conferma che le risultanze contabili saranno gestite sulle prestazioni istituzionali tenendo presente il presupposto della sussistenza del rapporto di sostituzione con l’Inps o, in caso contrario, diniego con conseguente restituzione.

Infine sarà possibile prendere visione anche delle trattenute o dei rimborsi mensili sulle prestazioni erogate dall’Inps. Accanto a queste possibilità il servizio allestito dall’Inps per verificare online i conguagli del Fisco spettanti dall’Istituto nazionale di previdenza sociale, inoltre, consente di effettuare entro il 30 settembre, sempre utilizzando il sito, anche la richiesta di annullamento e di variazione della seconda rata d’acconto Irpef o cedolare secca. 

I soggetti che hanno inviato le risultanze contabili, come ricorda l’Inps nella circolare in questione, sono l’Agenzia delle entrate e i Caf, le associazioni e i professionisti abilitati. Diventa quindi chiara la portata di questa iniziativa che punta a ridurre le distanze con gli iscritti.

Assegni sociali, pensione di invalidità civile, assegni familiari

La circolare dell'Istituto nazionale della previdenza sociale contiene anche un'altra precisazione. Come si legge nel documento liberamente consultabile sul sito ufficiale dell'ente, l’acquisizione delle risultanze contabili ai fini dell’assistenza fiscale presuppone un rapporto di sostituzione del soggetto dichiarante con l’Inps nell’anno di presentazione del modello 730. E che tale rapporto di sostituzione non ricorre nel caso di erogazione di sole prestazioni assistenziali. In questo caso il riferimento dell'Istituto di previdenza va ad assegni sociali, pensione di invalidità civile, assegni familiari.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ti è piaciuto questo articolo? star

Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":