Estate, gomme se gonfiate male durano la metà

di Luigi Mannini pubblicato il

Ai fini dell’incolumità dei passeggeri e della sicurezza stradale le gomme rappresentano una delle componenti più importanti di un veicolo perché sono l'unico collegamento fra l'auto e la strada

Estate, gomme se gonfiate male durano la

Le gomme se gonfiate male durano la metà. Attenzione massima soprattutto in estate, periodo degli esodi massicci

La manutenzione della propria autovettura è una delle operazioni più importanti per garantire la massima sicurezza ai propri spostamenti. In particolare in estate bisogna prestare attenzione soprattutto alle gomme che se gonfiate male, durano la metà. Ma in controlli che la Polizia Stradale effettua hanno dimostrato che purtroppo su questo tema non c’è una grande sensibilità da parte degli automobilisti che probabilmente, tendono a sottovalutare i rischi di una manutenzione delle gomme insufficiente.

Estate, gomme se gonfiate male

A confermare queste sensazioni è giunta l’indagine Vacanze Sicure 2018 curata da Assogomma e Federpneus e basata sull’attività della Polizia Stradale che, proprio in vista degli spostamenti verso i luoghi delle vacanze estive di milioni di italiani, provano a scattare una fotografia quanto più realistica possibile, per capire a che punto è la sensibilizzazione sull’importanza di avere gomme efficienti. Ai fini dell’incolumità dei passeggeri e della sicurezza stradale le gomme rappresentano una delle componenti più importanti di un veicolo proprio perché sono l'unico collegamento fra l'auto e la strada. Se gonfiate male le gomme, oltre a non garantire gli standard di aderenza e di sicurezza richiesti, durano la metà.

Gomme se gonfiate male durano la metà

I risultati di questa analisi, purtroppo, non sono stati positivi perché hanno mostrato un quadro esattamente analogo a quello di quindici anni fa. Inutili, dunque, tutti gli sforzi messi in campo in questo lasso di tempo per informare sui rischi che si corrono se le gomme sono gonfiate male. La tendenza che si registra senza alcun dubbio è che esiste un rapporto inversamente proporzionale tra l’anzianità della vettura e la manutenzione che viene svolta su di essa. In pratica più le auto invecchiano, e meno interventi di manutenzione di praticamp. L'indagine ha mostrato infatti che le non conformità complessive sono quasi doppie sulle vetture con almeno 10 anni rispetto a quelle con meno di 10 anni. E bisogna anche considerare che in estate, periodo di massicci esodi alla volta delle località turistiche, le gomme se gonfiate male durano la metà. Il primato non certo invidiabile di autovetture con gomme non a norma è stato conquistato dall'Abruzzo con una percentuale dell’8,13%.

Il 3,46% del campione aveva coperture con danneggiamenti visibili ad occhio nudo (il 5,91% nel Lazio), mentre il 3,15% era dotato di gomme non omologate (il 10,6% nel Lazio). Ben più allarmanti è la percentuale di auto con pneumatici lisci, quindi con battistrada spessi meno di 1,6 mm: la media è stata dell'8,95%, contro il 5,17% dell'anno scorso, ma in Molise e nel Lazio le percentuali sono state del 19,45% e 16,14% (addirittura del 28,33% a Frosinone). Un dato positivo riguarda l’utilizzo delle gomme invernali anche fuori stagione. Rispetto al 2017 l’utilizzo di gomme invernali o per uso misto M+S è sceso al 35 per cento rispetto al cinquanta per cento di un anno fa.

Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":


Ultime Notizie