Asilo Nido iscrizione rifiutata, non ci sono posti. Cosa fare

di Chiara Compagnucci pubblicato il

Le regole per l'iscrizione dei bambini agli asili nido variano da comune a comune ma presentano alcuni punti condivisi, anche in caso di rifiuto dell'iscrizione.

Asilo Nido iscrizione rifiutata, non ci

Asili nido 2019, sempre più iscrizioni rifiutate

Nella grandi e nelle piccole città non è così semplice fare accettare l'iscrizione del proprio figlio all'asilo nido. Nonostante il crollo delle nascite, i posti a disposizione nelle strutture pubbliche non sono quasi mai sufficienti per rispondere alla domanda. Che il problema sia avvertito è dimostrato da un recente studio della Cgil secondo cui i bambini fuori dagli asili nido italiani sono oltre un milione.

Non è sufficiente l'iscrizione in graduatoria per avere la certezza dell'iscrizione anche con congruo anticipo perché a fare la differenza non è solo la data di presentazione della domanda ma anche altri indicatori che possono far scalare posizioni nella classifica.

Asili nido 2019, sempre più iscrizioni rifiutate

Le regole per l'iscrizione dei bambini agli asili nido variano da comune a comune ma presentano alcuni punti condivisi. Ad esempio, per l'anno 2019 le porte sono aperte per i nati dal primo gennaio 2017. Un primo modo per cercare di avere maggiori garanzie ovvero per sperare che la domanda non venga rifiutata o che si finisca nelle ultime posizioni della lista di attesa, è iscrivere il bambino quando non è ancora nato.

Naturalmente è possibile solo per le mamme incinte e a condizione di consegnare il certificato di nascita all'ufficio comunale competente entro la data indicata. Già al momento della domanda è necessario quasi ovunque indicare l'orario di frequenza tra part time, ridotto e full time.

A quel punto, dopo aver raccolto le domande di iscrizione, l'asilo nido elabora la graduatori attribuendo un punteggi sulla base del regolamento interno. I fattori che incidono variano da comune a comune, ma in genere hanno il loro peso

  1. condizione economica certificata dall'Isee 2019
  2. l'assenza permanente affettiva e materiale dell'altro genitore
  3. l'affido esclusivo per provvedimento del tribunale
  4. la separazione, il divorzio o la convivenza interrotta
  5. la coppia coniugata o convivente
  6. la presenza di gemelli per cui si richiede l'iscrizione al nido
  7. figli conviventi minorenni a settembre in età da nido
  8. figli conviventi minorenni a settembre in età da scuola dell'infanzia
  9. figli conviventi minorenni a settembre in età da scuola primaria
  10. figli conviventi minorenni a settembre in età da scuola secondaria di primo grado
  11. gravidanza
  12. stato di salute del nucleo familiare
  13. contratto di lavoro dei genitori

In linea di massima è anche prevista priorità d'accesso per minori disabili e per colo in contesti di grave disagio sociofamiliare segnalati dai servizi competenti.

Cosa fare se iscrizione asilo nido rifiutata

Ricordando che i comuni verificano quanto dichiarato nelle domande tramite accertamenti anagrafici, d'ufficio o colloqui per l'assegnazione del giusto punteggio o per l'esclusione dalla graduatoria o dalla lista d'attesa per gli asili nido, la famiglia che vede respinto il proprio bambini può proporre ricorso. Attenzione ai tempi che, anche in questa circostanza, variano da comune a comune, ma sono in genere di 15 giorni dalla pubblicazione della graduatoria provvisoria. A quel punto il comune si riserva altri 15 giorni di tempo per la risposta.

Ti è piaciuto questo articolo? star

Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":