Bonus stufe a pellet 2022-2023 al via ora, a chi spetta, importi e come fare domanda

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Bonus stufe a pellet 2022-2023 al via or

A chi spetta bonus stufe a pellet

La stufa a pellet è quindi una soluzione molto efficiente, a un prezzo relativamente abbordabile. E ci sono molti aiuti per il rinnovamento energetico.

Facile da installare e da usare, la stufa a pellet permette di ottenere grandi risparmi sul riscaldamento. Il tutto con un investimento conveniente. Il legno è anche l'energia più economica sul mercato. La possibilità di ottenere anche sconti e agevolazioni sulla spesa rappresenta una facilitazione ulteriore per contenere la spesa. Il pellet è infatti una fonte di energia rinnovabile. Di conseguenza è oggetto di una detrazione fiscale fino al 65%. Vediamo quindi nel dettaglio:

  • A chi spetta bonus stufe a pellet 2022-2023: importi e come fare domanda

  • La soluzione delle stufe a pellet per risparmiare

A chi spetta bonus stufe a pellet 2022-2023: importi e come fare domanda

La stufa a pellet è un dispositivo di riscaldamento ausiliario che funziona appunto con pellet di legno. L'accensione, lo spegnimento e l'erogazione del combustibile a pellet possono essere automatizzati a seconda della richiesta di riscaldamento. Il carico e la combustione sono modulati per adattarsi alla temperatura desiderata.

Non ha bisogno di essere collegato al riscaldamento centralizzato per funzionare. L'utilizzo di questo biocombustibile a base di segatura e cippato di legno spiega in parte le ottime prestazioni della stufa a pellet. Offre prestazioni costanti e una combustione quasi completa grazie ad un combustibile a basso tasso di umidità. Alcune volte ha bisogno di essere collegato all'elettricità, ma il suo consumo annuale è molto basso.

La stufa a pellet è quindi una soluzione molto efficiente, a un prezzo relativamente abbordabile. Ci sono molti aiuti per il rinnovamento energetico per aiutare a finanziare le apparecchiature di riscaldamento. La possibilità è duplice perché da una parte c'è il bonus del 65% fino a un massimo di 30.000 euro nel caso di interventi di riqualificazione energetica per immobili già iscritti al catasto o con pratica di iscrizione in corso.

Dall'altra c'è il bonus del 50% della spesa, nel caso di ristrutturazione edilizia, fino a un massimo di 96.000 euro. A patto che la stufa abbia un rendimento non inferiore al 70%. Ci sono quindi 3 modi per accedere all'incentivo del bonus stufe a pellet 2022-2023. La prima è la detrazione con la dichiarazione dei redditi, recuperando il 50% delle spese sostenute con 10 quote da ripartire in 10 anni. La seconda è la cessione del credito. La terza è lo sconto in fattura.

La soluzione delle stufe a pellet per risparmiare

Questo sistema di riscaldamento è economicamente vantaggioso. A differenza del gas o dell'elettricità, non necessita dell'adesione alla tariffa di un gestore. Questo carburante è tra i più economici sul mercato. Con serbatoi di grande capacità e per alcuni con ricarica automatica, le stufe a pellet offrono una grande autonomia.

Alcuni modelli possono essere programmati o controllati a distanza. I pellet di legno sono prodotti dai rifiuti dell'industria del legno. Sono rinnovabili ed efficienti. Consentono una combustione ottimale che garantisce la massima efficienza per una bassissima emissione di inquinanti.

Essendo la comparsa sul mercato delle stufe a pellet piuttosto recente, non si sa ancora con certezza per quanto tempo possa funzionare correttamente. Possiamo ancora dire che la sua durata è leggermente inferiore a quella della stufa a legna, e dovrebbe essere compresa tra 15 e 20 anni.

In ogni caso è necessario conoscere alcuni aspetti per essere sicuri che questa soluzione sia adatta alla propria casa. Questa stufa rimane un riscaldamento ausiliario e solo raramente può riscaldare l'intera abitazione. La stufa a pellet non è adatta a tutti i luoghi. Alimentate a pellet di legno, un'energia rinnovabile e presumibilmente virtuosa, le stufe a pellet necessitano comunque di energia elettrica per funzionare. Anche se il consumo di elettricità è minimo, può essere scomodo se la casa è soggetta a frequenti interruzioni di corrente.