Furti in casa d'estate. Come evitare. Come agiscono ora i ladri, le tecniche più usate e recenti

Ci sono i profili di social network a essere controllati, ma attenzione anche a quei segnali che lasciano capire come la casa sia temporaneamente disabitata.

Furti in casa d'estate. Come evitare. Co

Come evitare i furti in casa


Ritorna l'estate e, purtroppo, anche i furti con i furti in casa che si moltiplicano sia negli appartamenti in città che nelle villette. Come agiscono ora i ladri, come si comportano, quali tecniche usano più avanzate, cerchiamo di capire.
 

Lo sapere che anche i ladri consultano i social network? Significa che tengono sotto controllo gli spostamenti in giro per il mondo delle potenziali vittime e, quando lontani, ne approfittano per entrare in casa. Di conseguenza occorre molta attenzione nella pubblicazione delle foto delle proprie vacanze e, soprattutto, nell'attivazione della funzione di geolocalizzazione. I ladri consultano i profili e si muovono con circospezione. Proprio il periodo estivo, quello delle grandi partenze, è il preferito dai malintenzionati. Anche e soprattutto perché i proprietari di case e appartamenti sono generalmente più distratti e meno attenti alle contromisure da adottare.

Come evitare i furti in casa in estate

Come fare allora a evitare i furti in casa in estate? La prima azione è quella di dotare l'abitazione di un antifurto efficace, ma c'è anche chi agisce a monte cercando di evitare che i ladri entrino in casa. Come? Con la registrazione di un cane che si attiva con sensori quando qualcuno si avvicina alla porta di ingresso o giù di lì. Alcune società di sicurezza offrono deterrenti di questo tipo. Un altro sistema molto comune è il deadlock per rendere più difficile forzare la serratura. Anche le telecamere a circuito chiuso, perfino spente, sono considerate efficaci per scoraggiare un ladro a tentare l'assalto, purché non abbiano preso di mira l'abitazione da tempo e ne conoscono ogni dettaglio.

Allo stesso tempo esistono le luci che si accendono con il movimento di qualcuno laddove non dovrebbe esserci. Esiste poi un lubrificante che rende più complicato utilizzare il davanzale della finestra per entrare nell'abitazione. Ecco poi i sistemi di domotica che consentono di vedere sullo schermo del cellulare se ci siano state effrazioni e nel caso avvisare le forze dell'ordine. Grazie a questi dispositivi si può lasciare la casa incustodita per un periodo non eccessivamente lungo, ben sapendo che i ladri si affidano sempre meno all'improvvisazione, scegliendo con cura sia le vittime e sia il periodo in cui mettersi in azione.

Le ultime tecniche dei ladri

Ci sono allora i profili di social network a essere controllati, ma attenzione anche a quei segnali che lasciano capire come la casa sia temporaneamente disabitata, come la posta non raccolta o il giardino con l'erba alta. Avere qualcuno che si occupa di questi aspetti in nostra assenza è un prezioso aiuto. Tra le tecniche evolute utilizzate dai ladri si segnala il jammer, capace di neutralizzare le funzioni di antifurto satellitari, impianti di allarme per la casa o sistemi di sicurezza per uffici e aziende, inibendone la capacità di segnalare l’allarme o impedendo la comunicazione via radio tra centralina e sensori. Ogni accortezza non è mai sufficiente.