Denunciata dai vicini va addirittura in carcere. Ecco il motivo dell'arresto

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Denunciata dai vicini va addirittura in

Condannata per troppo amore per i gatti

Tutto Ŕ iniziato tre anni fa quando i residenti di Garfield Heights hanno iniziato a chiedere al guardiano degli animali di agire contro la donna.

Una donna dell'Ohio di 79 anni si è vista spalancare le porte del carcere per via del suo amore per i gatti. Lei si chiama Nancy Segula e si prende cura da anni dei gatti randagi locali. Ma mente i felini affamati accorrono alle sue gambe tutte le volte che si presenta con una nuova confezione di croccantini, per i vicini di casa, questo comportamento è un gran bel fastidio. E dopo tre anni di avvertimenti, citazioni e lamentele, la pensionata di Garfield Heights è stata condannata a trascorrere 10 giorni dietro le sbarre.

Alla base del suo amore e dell'insistenza nel nutrire i mici c'è anche una dose di solitudine. La donna confessa che i gatti l'hanno aiutata a far fronte alla morte di suo marito. In passato ha ospitato gatti in casa, morti per vecchiaia, e in questa condizioni di sostanziale solitudine, sono i randagi locali ad aiutarla. La vicenda ha impiegato poco tempo per passare di bocca in bocca tra i vicini, ma anche a oltrepassare i confini nazionali fino a fare il giro del mondo. Per il figlio di Segula, Dave Pawlowski, la punizione è evidentemente troppo dura.

Condannata per troppo amore per i gatti

A ben vedere, Nancy Segula e i suoi gatti hanno una lunga storia con le autorità locali. Tutto è iniziato tre anni fa quando i residenti di Garfield Heights hanno iniziato a chiedere al guardiano degli animali di agire contro la donna e i suoi continui nutrimenti ai gatti randagi. In seguito alla moltiplicazione dei reclami, il guardiano ha ordinato a Nancy Segula di liberare l'area dei gatti a casa sua citando l'ordinanza della città che proibisce di nutrire i randagi.

Oltre 2.000 dollari in multe

Tuttavia la donna è rimasta sorda alle richieste ed è stata citata una prima volta per varie accuse legate al nutrimento dei gatti nella sua residenza. Nel luglio 2017, è stata condannata per avere troppi gatti nella sua residenza ed è stata messa in libertà vigilata. Quindi è stata raggiunta da una seconda citazione nell'agosto dello stesso anno per non aver smaltito correttamente i rifiuti animali legati ai numerosi gatti a casa sua e per aver continuato a nutrire i gatti randagi.

In seguito è stata condannata e poi messa in libertà vigilata con l'obbligo di smettere di dare da mangiare ai gatti. In due anni Nancy ha complessivamente già pagato oltre 2.000 dollari in multe.

A oggi esiste ancora la possibilità che la pensionata non vada in prigione poiché, prima della sentenza, il giudice del tribunale municipale di Garfield Heights ha annunciato di voler ascoltare la donna nella speranza di trovare una soluzione diversa dalla prigione. La data dell'udienza in tribunale non è stata ancora fissata.