Quando si può uscire di casa per camminare durante coranavirus. Tutti i casi spiegati dal Viminale

di Marianna Quatraro pubblicato il
Quando si può uscire di casa per cammina

Divieto passaggiata coronavirus Quando uscire casa Viminale

Evitare di uscire di casa ma nessun divieto assoluto di passeggiata all’aperto: cosa prevede el dettaglio il Dpcm del governo

Evitare di uscire di casa: è questa la regola fondamentale e l’invito a tutta la popolazione italiana contenuta nei recenti Dpcm del governo per riuscire a fronteggiare l’emergenza coronavirus che ha messo in ginocchio il nostro Paese. Per evitare che il sistema sanitario collassi, per riuscire a garantire a tutti le dovute cure, è necessario evitare il diffondersi del Covid-19.

E proprio per riuscire in questo intento, al momento, come stabilito dal Dpcm dell’11 marzo, gli unici spostamenti consentiti sono quelli per:

  • lavoro;
  • comprovata necessità (per andare cioè a fare la spesa o in farmacia);
  • salute;
  • rientro al proprio domicilio.

Ma non posso uscire per fare una passeggiata?

Divieto di passeggiata quando si può uscire di casa per Viminale

Stando a quanto previsto dal Dpcm del governo, bisogna deve evitare di uscire di casa e si può uscire solo per andare al lavoro o per motivi di salute o altre necessità, come acquistare beni necessari, in ogni caso, comunque, provando e dimostrando il motivo dell’uscita tramite autodichiarazione che si può presentare alle forze dell’ordine che effettuano i controlli compilando il relativo modello disponibile sul sito del Ministero dell’Interno. E' bene precisare che se si esce per spostamenti fissi, come andare a lavoro o recarsi da un parente anziano o disabile per assisteza a condizione di essere sempre dotati di strumenti di sicurezza come mascherine e guanti) si può utilizzare sempre lo stesso modulo indicando le cadenze, mentre per spostamenti diversi, bisogna compilare un modulo ogni volta che si esce riportando relative indicazioni di movimento.

Le forze dell’ordine verificano che quanto riportato sul modello di autocertificazione corrisponda a verità e in caso contrario chi dichiara il falso è soggetto a sanzioni, da multe fino all’arresto. Ciò significa che se non si ha un motivo valido e importante il consiglio di rimanere a casa. Il consiglio diventa obbligo di restare a casa per chi è in quarantena o risulta positivo al coronavirus.

Raccomandazioni e divieti di uscite e spostamenti valgono anche per movimenti all’interno del proprio comune, anche se avvengono per motivi di lavoro o necessità. Sia che ci si muova in macchina sia che ci si muova a piedi è necessario comunque avere sempre l’autodichiarazione che riporta il motivo dell’uscita.

Stando a quanto letteralmente riportato dal Dpcm non c’è alcun divieto alla passeggiata, come obbligo imposto, ma se si vuole uscire per fare una passeggiata bisogna rispettare le forti e stringenti limitazioni previste.

Dal Viminale confermano che non sono previste sanzioni per chi esce di casa per prendere aria, per portare fuori il cane o per andare dal tabaccaio ma si tratta di ‘uscite’ da fare da soli, esattamente come attività fisiche all’aperto. Il decreto non le vieta in toto ma si devono fare da soli, lontano da terze persone, e comunque così come per le passeggiate, per un tempo non troppo prolungato.

Passeggiare in un parco non è vietato

Non è, dunque, vietato esplicitamente nel decreto andare in parchi e giardini pubblici a fare una passeggiata a condizione, però, che non si vada in gruppo e che si rispetti la distanza interpersonale di un metro. Stesso discorso vale, come sopra accennato, per lo svolgimento dell’attività motoria, permessa a patto che non si faccia in gruppo.

Via libera quindi alle passeggiate ma a condizioni che siano vicine o relativamente a casa propria e che non durino a lungo e anche alle uscite con i propri animali domestici: si può portare il cane a fare una passeggiata per le proprie esigenze fisiologiche, ma sempre mantenendo la distanza di almeno un metro da altre persone e senza allontanarsi troppo dalla propria abitazione.