Doccia, pelle e abbronzatura come non rovinare in estate. Consigli non banali e errori

di Luigi Mannini pubblicato il
Doccia, pelle e abbronzatura come non ro

Errori da non commettere per salvaguardare la pelle sotto la doccia e consigli per farlo al meglio

Tra gli errori da non compiere c’è quello di concedersi senza alcuna regola al getto d’acqua calda. Tale abitudine potrebbe essere dannosa e va abbandonata perché rimuove gli oli naturali della pelle

Diciamoci la verità: la doccia rappresenta un vero e proprio rito che aiuta a ritrovare l’equilibrio del corpo e dello spirito. Specialmente dopo una giornata impegnativa e stressante non c’è nulla di meglio che gettarsi sotto la doccia e crogiolarsi sotto il getto d’acqua. Ma bisogna farlo con attenzione visto che non seguire alcuna regola potrebbe comportare rischi per la salute della pelle. Che invece deve essere protetta e non rovinata. Ecco perché abbiamo pensato che pubblicare una guida con i nove errori da evitare e i consigli utili a non causare danni alla pelle poteva essere utile.

Pelle da proteggere sotto la doccia

Forse non tutti sanno che la pelle deve essere protetta anche sotto la doccia. E che la credenza, molto diffusa, sugli effetti terapeutici su pelle e muscoli che produrrebbe un getto d'acqua calda, non corrisponde al vero. Basta avere un confronto con qualsiasi dermatologo per scoprire quale sia la verità. Tra gli errori da non compiere dunque c’è quello di abbandonarsi senza alcuna regola al getto d’acqua calda. Tale abitudine potrebbe essere dannosa e va abbandonata in primo luogo perché rimuove gli oli naturali. E poi porta il sangue più vicino alle pelle.

Consigli non banali per non rovinare la pelle

Tra i nove errori da evitare per non rovinare la pelle quando si fa la doccia, c’è quello di utilizzare saponi aromatizzati oppure antibatterici. In tale caso bisogna essere a conoscenza che le forti fragranze e gli ingredienti aggressivi strappano via l'idratazione dall'epidermide. Quindi uno dei consigli non banali è quello di ridurre al minimo l’insaponamento alle parti più grasse e odorose del corpo, come faccia, ascelle, pube e piedi.

Errori da non commettere sotto la doccia

Anche la durata di una doccia può rientrare nei comportamenti che possono essere definiti errori da non commettere sotto la doccia per mantenere la buona salute della pelle. Per proteggerla e non rovinarla, i dermatologi sono concordi nel suggerire che sarebbe opportuno aspettare più di tre minuti dopo aver lasciato la doccia per idratarla causa la perdita di liquidi molto preziosi per l'epidermide. Per farlo al meglio bisogna rimuovere l'acqua in eccesso, lasciando la pelle comunque bagnata. Subito dopo si può applicare un idratante a base ceramide e spalmalo sul corpo.

Come non rovinare la pelle sotto la doccia

C’è una riflessione da fare anche sui prodotti da utilizzare se si sta cercando il rimedio giusto su come non rovinare la pelle sotto la doccia. Anche nel caso in cui si decida di applicare alla propria cute i cosiddetti prodotti naturali, che tra le altre cose a volte costano anche un occhio della fronte, non si possono trascurare alcuni aspetti. Anche i prodotti organici o naturali, infatti, possono privare la pelle del suo stato naturale di oli e grassi, distruggendone la naturale barriera protettiva. E quindi non ci si può fidare della semplice dicitura naturale. Ma bisogna scoprire se questi prodotti sono privi di coloranti artificiali, fragranze e altri ingredienti aggressivi. Solo in questo caso la pelle ringrazierà e riceverà sollievo.

Consigli non banali per salvaguardare la pelle sotto la doccia

Fino a questo punto abbiamo visto quali sono gli errori più frequenti che non vanno commessi per salvaguardare la pelle quando si è sotto la doccia. Indicazioni che contengono anche i relativi consigli per evitare spiacevoli sorprese. Tra i consigli non banali per salvaguardare la pelle sotto la doccia quello di valutare bene la temperatura dell’acqua, occupa i primi posti di questa speciale classifica.

L’acqua non deve essere bollente, ma tiepida, ossia alla stessa temperatura della pelle o leggermente più calda, specialmente se avete una cute delicata naturalmente predisposta alla secchezza. Tra il vapore, l'acqua ed il tepore spesso una doccia può durare anche quindici, venti o anche una mezz’ora, ma secondo diversi esperti superare i 10 minuti è sempre un male. Ridurre al minimo la permanenza sotto il getto d’acqua della doccia è un altro dei consigli utili a salvaguardare la pelle e non rovinarla.