Hyperloop in Italia, ma è già battuta da treni rivoluzionari ancora più veloci

Un convoglio in grado di viaggiare alla velocità di seicento chilometri all’ora risparmiando energia elettrica rispetto agli omologhi della vecchia generazione. Con costi di investimento più bassi

Hyperloop in Italia, ma è già battuta da

Da Milano a Bologna in 9 minuti? Presto non sarà più un sogno

Hyperloop è il progetto tecnologico forse più interessante in circolazione. Si tratta del treno supersonico che consentirebbe l’inizio di una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda i trasporti. Anche l’Italia è tra i paesi che potrebbero ospitare i treni supersonici che sono in grado di raggiungere la velocità di 1.223 km/h grazie alla tecnologia a lievitazione passiva che consente ai convogli di ridurre al minimo, se non eliminarlo del tutto, l’attrito con i binari. Il discorso Hyperloop ha protagonista ben preciso: il visionario Elon Musk che ha investito sul progetto fin dall’inizio coerentemente alla sua idea di futuro che prova a realizzare contemporaneamente anche con Tesla, l’azienda automobilistica che rappresenta una delle sue principali attività. Ma questa sua idea originaria è stata già battuta da treni capsula che saranno ancora più veloci.

Hyperloop il treno supersonico che rivoluzionerà i trasporti

Hyperloop è un treno supersonico che presto dovrebbe fare l’ingresso sulla scena dei trasporti. E la sensazione è quella che il suo arrivo servirà a rivoluzionare il mondo dei trasporti. Sono dodici i progetti in fase di realizzazione che potrebbero riguardare anche l’Italia che potrebbe ospitare due tratte da 150 km l’una. Una prospettiva che sembra concreta come dimostra anche una dichiarazione di Bibop Gresta, co-fondatore e presidente di HyperloopTT rilasciata al quotidiano economico “Il Sole 24 Ore” con la quale viene data una scadenza ben precisa. A fine 2019 si saprà se saranno realizzati i due progetti pensati per l’Italia.

In cosa consiste la tecnologia

Andiamo adesso a vedere in cosa consiste la tecnologia che permette a questo treno di viaggiare più velocemente della velocità del suono. Un traguardo possibile grazie alla levitazione magnetica passiva che consentirebbe di effettuare, per esempio, la tratta Milano-Bologna in appena nove minuti. Ma tra gli aspetti positivi, sia dal punto di vista della questione ambientale che da quella del risparmio in termini di costi, quello che riguarda l’efficienza energetica è senza dubbio il più interessante del progetto HyperloopTT. Un convoglio in grado di viaggiare alla velocità di seicento chilometri all’ora risparmiando molta energia elettrica rispetto agli omologhi della vecchia generazione. Anche i costi di investimento sarebbero più bassi. Per quanto riguarda l’Italia il progetto è ancora in fase di verifica mentre nel resto del mondo sarà presto attiva la tratta commerciale ad Abu Dhabi, si sta lavorando per progetti anche in altri paesi tra cui Cina, India, Francia, Germania, Corea del Sud e Indonesia.

Hyperloop battuto da capsule più veloci

Ma visto che si tratta di una sfida combattuta ad altissima velocità, non bisogna meravigliarsi se il progetto Hyperloop che vede impegnato in prima persona in veste di finanziatore Elon Musk, è stato battuto sul tempo da capsule che viaggerebbero ancora più veloci. Almeno in Europa. Il suo progetto di Hyperloop, il treno che viaggia a velocità supersoniche all’interno di enormi tunnel “sottovuoto”, è stato realizzato da una azienda olandese. La Hardt Hyperloop dell’ingegnere Tim Houter ha dimostrato che la tecnologia è realizzabile.

Ti è piaciuto questo articolo? star

Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il