Incentivi tv per cambiare televisore o decoder con arrivo nuovo digitale terrestre in arrivo

Ecco chi deve cambiare televisore o comprare un nuovo decoder. Si comincia dal 15 novembre 2019. Incentivi per cambiare TV: beneficiari e come ottenerli.

Incentivi tv per cambiare televisore o d

Nuovo digitale terrestre, chi deve cambiare televisore

Si avvicina una nuova grande stagione di rottamazioni di televisori e di sostituzione con modelli di nuova generazione. È infatti iniziato il percorso che porterà al progressivo aggiornamento delle tv in vista dello switch off del digitale terrestre di seconda generazione previsto per il primo luglio 2022 per via del trasferimento delle frequenze per il servizio di telefonia mobile 5G.

In buona sostanza c'è tempo fino al 31 dicembre 2022 per mettersi in regola con un televisore nuovo oppure con decoder. E per facilitare questo passaggio il governo ha messo sul piatto circa 150 milioni di euro di incentivi. Calcolatrice alla mano si tratta di una cifra abbastanza esigua che si tradurrà in un piccolo bonus per gli italiani.

Nuovo digitale terrestre TV 2019, chi deve cambiare televisore e decoder e quando

Ovviamente non tutti sono chiamati a cambiare in automatico il televisore in proprio possesso. Lo dovranno fare coloro che possiedono un modello che non supporta l'HD e l'Ultra HD, l'alta e l'altissima definizione, non consentono il fermo immagine, il successivo restart e tutte quelle funzionalità aggiuntive introdotte con le smart TV. La finestra temporale per eseguire l'upgrade è tra il 15 novembre 2019 e il 31 dicembre 2022. Il tutto avviene nell'ambito del processo di trasformazione delle reti televisive riferito alla disponibilità delle frequenze in banda 700 MHz, a favore dello sviluppo del 5G.

Incentivi per cambiare TV: beneficiari e come ottenerli

Il governo ha previsto di incentivare economicamente il passaggio dallo standard DVB-T a quello DVBT-2. Beneficiari del contributo sono i residenti nel territorio italiano appartenenti alla prima e alla seconda fascia Isee (Indicatore della situazione economica equivalente) ovvero lo strumento utilizzato per valutare la situazione economica delle famiglie (anche composta da una sola persona) che chiedono di accedere a una prestazione sociale agevolata.

L'incentivo è riconosciuto per nucleo familiare ovvero è valido per un solo componente della famiglia e per l'acquisto di un solo televisore tra il 15 novembre 2019 e il 31 dicembre 2022 e comunque fino a esaurimento dei circa 150 milioni di euro di incentivi. L'importo viene erogato sotto forma di sconto praticato dal venditore sul prezzo di vendita, per un importo pari a 50 euro o all'intero costo di vendita se inferiore a questo tetto.

Per beneficiare del contributo occorre presentare al venditore la richiesta con dichiarazione sostitutiva di rientrare nelle fasce Isee che godono dell'agevolazione. L'alternativa all'acquisto di un nuovo televisore, che comporta comunque un impegno di spesa più o meno consistente, è l'equipaggiamento con un nuovo decoder da poco più di 30 euro.

Come precisato dal Ministero dello Sviluppo Economico, possono essere comprati apparecchi atti a ricevere programmi e servizi radiotelevisivi - dotati in caso di decoder anche di presa o di convertitore idonei ai collegamenti alla presa Scart dei televisori - attraverso interfacce di programmi aperte, senza tenere conto della piattaforma tecnologica scelta dal consumatore, sia essa terrestre, satellitare e via cavo. Gli apparecchi per il digitale terrestre devono incorporare la tecnologia DVB-T2 HEVC, main 10.

Ti è piaciuto questo articolo? star

Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il