Nadia Toffa, non so se la chemio mi ucciderà ma certamente... Ecco come reagiscono i medici

Nadia Toffa ritorna a parlare di sè, della sua malattia e delle sue cure e di come reagisce lei e i medici

Nadia Toffa, non so se la chemio mi ucci

Su Instagram Nadia Toffa lancia un messaggio ai propri follower. La lotta contro la malattia prosegue

La sua vicenda, legata purtroppo alla malattia con la quale sta combattendo con il coraggio di un leone da qualche mese a questa parte, sta tenendo con il fiato sospeso tutti, ma proprio tutti. Nadia Toffa, diventata celebre al grande pubblico alla guida del programma televisivo “Le Iene” sta continuando la sua personale battaglia contro il cancro che la costringe ai devastanti cicli di chemioterapia ai quali la giornalista bresciana deve sottoporsi periodicamente. E anche questa volta ha voluto documentare la sua vicenda con alcuni post pubblicati sui social dove la trentanovenne è seguita ed amata da migliaia e migliaia di follower. Scatti e parole che parlano di speranza, la stessa che la Toffa ripone nella possibilità di guarigione. Una speranza che a volte vacilla, come alcune sue parole lasciano immaginare “Non so se la chemio mi ucciderà, ma certamente…”, ma che subito torna salda come dimostra la battuta successiva sul personale medico e paramedico definito, scherzosamente, mascalzone.

Ecco come reagiscono i medici

La forza di Nadia Toffa sta conquistando piano piano tutti coloro che le gravitano intorno. La sua battaglia è dura, ma la determinazione sembra essere quella giusta. Ed ecco come reagiscono i medici alle zampate della Iena più simpatica che ci sia. Medici ed infermieri sono stati citati dalla bella conduttrice televisiva che con la sua proverbiale simpatia e con il sorriso di chi sa di poter compiere l’impresa, ha inteso tributare il giusto ringraziamento a chi quotidianamente lavora sodo per tenere accesa la fiaccola della speranza. La bella trentanovenne si è mostrata ai suoi followers di Instagram sul letto di ospedale con un messaggio di speranza. Rivolta ai medici ha scritto: “Buongiorno Eccomi in ospedale che bravi gli infermieri e i medici tutti rispondono ai miei sorrisi speranzosi con sorrisi altrettanto speranzosi. Grazie a loro e grazie a voi per il vostro supporto! È fondamentale. Vi abbraccio forte”.