Ponti, vacanze e festività nel 2023, tutte le date in cui conviene prendere le ferie

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Ponti, vacanze e festività nel 2023, tut

Quando cadono Ponti, vacanze e festività

Gli auspici per il nuovo anno in termini di feste e ponti non sono positivi sin dal principio perché il primo giorno dell'anno è una domenica. Ma poi cambia tutto.

Quando prendere le vacanze e le ferie nel 2023? Un attento esame del calendario ci aiuta a prendere le decisioni giuste perché, come al solito, la possibilità di fruire di una mini vacanza grazie ai numerosi ponti è sempre dietro l'angolo. Non ci resta allora che andare a caccia delle feste del 2023 per sapere se abbiamo la possibilità fruire di qualche giorno in più di vacanza ovvero di un weekend lungo.

Già, quanti di noi vorrebbero qualche giorno di vera vacanza con le persone più care? Non importa che si tratti dei genitori o dei figli, di amici, della propria compagna o del proprio compagno. O anche di se stessi, perché spesso e volentieri dimentichiamo di premiarci. Non ci resta allora che scoprire cosa ci riserva il nuovo anno e dunque:

  • Ponti, vacanze e festività 2023, il calendario aggiornato

  • Data per data, quando cadono Ponti, vacanze e festività

Ponti, vacanze e festività 2023, il calendario aggiornato

Come vedremo nel dettaglio in questo articolo, il 2023 è un anno strategico per godere di qualche weekend lungo. Si tratta della possibilità di agganciare le feste comandate con un fine settimane per allungare i giorni di vacanza. Occorre come sempre fare una indispensabile distinzione. Da una parte ci sono le feste dai giorni fissi, come il Natale e il ferragosto, ma anche la Festa del lavoro e la Festa della liberazione. Dall'altra ci sono le feste con giorni variabili.

La Pasqua è l'appuntamento per eccellenza, ma potremmo ricordare anche il Carnevale. Includiamo quest'ultimo perché si tratta di una festa molto attesa, soprattutto dai ragazzi che godono di un'occasione in più per fare festa. Feste e ponti nel calendario 2023 sono:

  • domenica 1 gennaio 2023: Capodanno

  • venerdì 6 gennaio 2023: Epifania

  • martedì 21 febbraio 2023: Carnevale

  • giovedì 23 febbraio 2023: Carnevale

  • domenica 9 aprile 2023: Pasqua

  • lunedì 10 aprile 2023: Pasquetta

  • martedì 25 aprile 2023: Festa della Liberazione

  • venerdì 1 maggio 2023: Festa dei lavoratori

  • venerdì 2 giugno 2023: Festa della Repubblica

  • martedì 15 agosto 2023: Ferragosto

  • mercoledì 1 novembre 2023: Ognissanti

  • venerdì 8 dicembre 2023: Immacolata Concezione

  • lunedì 25 dicembre 2023: Natale

  • martedì 26 dicembre 2023: Santo Stefano

  • domenica 31 dicembre 2023: San Silvestro

  • lunedì 1 gennaio 2024: Capodanno

Data per data, quando cadono Ponti, vacanze e festività

Gli auspici per il nuovo anno in termini di feste e ponti non sono positivi sin dal principio perché il primo giorno dell'anno è una domenica e di conseguenza il primo giorno lavorativo è già lunedì 2 gennaio 2022. L'Epifania è un venerdì e di conseguenza si prospetta una settimana corta. Dopodiché si torna a lavorare lunedì 9 gennaio, quando riapriranno anche le scuole.

Se febbraio è il mese del Carnevale, la festività successiva da segnare sul calendario è Pasqua, quest'anno nella seconda domenica di aprile. Possibilità di godere un ponte sia per la Festa della Liberazione del 25 aprile (è martedì) e sia per la Festa dei lavoratori del primo maggio (è venerdì).

Stessa cosa in occasione della Festa della Repubblica del 2 giugno perché nel 2023 è un venerdì. Se ferragosto cade di martedì, spostando lo sguardo più in là fino al mese di novembre, Ognissanti è un mercoledì e di conseguenza si prospetta un weekend lungo (quello precedente) in vista dell'ennesima maratona di fine anno.

La celebrazione dell'Immacolata Concezione dell'8 dicembre è un venerdì. E allo stesso tempo Natale e Santo Stefano nell'anno 2022 sono rispettivamente un lunedì e un martedì. Per chi lavora nelle giornate tradizionali ci sono quindi possibilità di fruire di una settimana corta.

Infine, l'ultimo giorno dell'anno, in cui c'è chi lavora per tutta la giornata e chi solo per metà, coincide con un domenica per cui il ritorno con l'attività di tutti i giorni slitta a martedì 2 gennaio 2024.