Se hai qualche lira ancora potresti avere in casa un tesoro. Quanto valgono e quali

di Luigi Mannini pubblicato il

Le cinque lire del 1956, per fare un esempio, avrebbero oggi un valore che oscillerebbe, a seconda dello stato di conservazione, tra i cinquanta e i cento euro. Chi trova una lira trova un tesoro

Se hai qualche lira ancora potresti aver

Chi trova una lira trova un tesoro. Non è sempre così, ma in alcuni casi...

Senza saperlo, potresti avere delle monete o banconote delle vecchie lire che possono valere molto. Ecco quali sono le tipologie e che cosa potrebbero fruttare.

Ormai l’euro ha lentamente, ma inesorabilmente, soppiantato nella memoria degli italiani, soprattutto dei più giovani e di quelli che sono nati dopo quel fatidico 2002 quando la nuova moneta ha definitivamente soppiantato la vecchia cara lira. Eppure c’è una notizia che potrebbe far felice qualche collezionista o qualche persona distratta che ha per questo conservato qualche esemplare del vecchio conio. Se hai ancora qualche lira a casa, infatti, potresti avere un tesoro senza saperlo. Vediamo di cosa si tratta più da vicino andando a capire quali sono le monete che potrebbero riservare questa meravigliosa sorpresa e a quanto ammonterebbe il possibile montepremi.

Quanto vale il tesoro per chi ha ancora qualche lira

Vediamo allora quanto vale il potenziale tesoro di quelli che hanno conservato ancora qualche lira in casa. Ovviamente non si tratta di una certezza che vale sempre. Bisogna essere davvero baciati dalla fortuna perché, come hanno spiegato in questi giorni esperti di numismatica, sono solo alcune le monete del vecchio conio a poter avere un valore prezioso. Come ad esempio le 5 lire del 1956 il cui valore oscillerebbe, a seconda dello stato di conservazione, tra i cinquanta e i cento euro, oppure per le 2 lire del 1958. Ma ci sono anche i pezzi forti, come ad esempio le cinquanta lire del 1958 che oggi potrebbe addirittura valere anche mille euro.

In questo caso si parla di moneta fior di conio, ad indicare la perfezione dello stato di conservazione che può avvenire solo quando la stessa viene messa da parte appena sfornata dalla zecca e quindi senza passare di mano in mano. In questa carrellata delle lire che potrebbero valere un tesoro (di euro) fanno la loro bella presenza anche le cento lire del 1954 che, più modestamente e sempre a seconda di come sono state conservate possono valere dai cinquanta a cento euro. Il colpaccio potrebbe avvenire nel caso in cui a casa di qualcuno spuntasse addirittura la prima serie di monete, coniate tra il 1946 e il 1947. Si tratta di serie molto rare data la bassa tiratura che potrebbero far intascare ai proprietari la modica cifra di seimila euro.

Per la serie completa del 1946 il valore dovrebbe essere compreso tra i mille e i duemila euro. Quella del 1947 invece varrebbe ancora di più visto che si parla di tremila euro e qualcuno si spinge anche fino ai seimila. Ma oltre alle monete esiste anche una banconota che ha il suo valore. Si tratta della cinquantamila lire con il volto di Bernini, con la scritta in rosso, in circolo nei primi anni Ottanta. La serie che come seconda lettera presenta la lettera E può valere tra i 200 e i 1000 euro.