Sfratti casa in affitto 2020 sospesi per coronavirus. Tempi e regole, cosa cambia

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Sfratti casa in affitto 2020 sospesi per

Coronavirus, sospesi sfratti casa in affitto 2020

Gli sfratti per morositÓ sono in aumento, segnalano la non sostenibilitÓ dell'impegno delle famiglie rispetto alla spesa per la casa a la diffusione del coronavirus complica la situazione.

Sono pochi gli aspetti che non sono stati normati del decreto Cura Italia approvato dal governo per fronteggiare le conseguenze economiche che si stanno abbattendo sull'Italia. Perfino gli sfratti sono stati oggetto di un articolo perché poi si tratta di una circostanza estremamente delicata.

I numeri aggiornati ricordano infatti che le persone e famiglie che soffrono della mancanza di una abitazione adeguata non sono solamente quelli deboli e marginali come poveri e stranieri. A essere coinvolti sono anche ampie fasce della popolazione travolte dalla stagnazione economica.

Gli sfratti per morosità sono in aumento, segnalano la non sostenibilità dell'impegno delle famiglie rispetto alla spesa per la casa e la diffusione del coronavirus non può che complicare la situazione.

Si tratta infatti di un elemento che si aggiunte all'impoverimento delle famiglie, all'aggravarsi dei processi di indebitamento, alla crescita di disagio sociale diffuso, all'aumento del numero degli sfratti per morosità. Da qui l'indispensabilità di un intervento tempestivo. Vediamo in questo articolo

  • Coronavirus, sospesi sfratti casa in affitto 2020
  • Tempi e regole sfratti casa in affitto, cosa cambia

 

Coronavirus, sospesi sfratti casa in affitto 2020

Il numero di persone coinvolte dagli sfratti è in continua crescita e immaginare che sia lasciate senza un tetto o comunque nelle condizioni di trovare una sistemazione alternativa in questi tempi di coronavirus è di fatto impensabile.

Da qui la decisione del governo di sospendere i provvedimenti esecutivi di sfratto, anche perché si tratta di un fenomeno diffuso su tutto il territorio nazionale, interessando sia i capoluoghi di provincia e sia le piccole cittadine.

C'è anche un altro fattore che ha inciso in questa decisione ed è quella disposizione costituzionale in base alla quale il Comune viene definito quale ente locale più vicino al cittadino.

Di conseguenza a prima risposta ai bisogni è demandata al servizio sociale territoriale, al cui interno è presente l'assistente che accoglie la domanda e valuta la situazione. Ma in un periodo di isolamento e di riduzione dei contatti, come pensare che sia possibile che si materializzi una situazione di questo tipo?

Come ogni altro diritto sociale, anche quello all'abitazione è considerato dalla nostra legislazione un diritto da concretizzare in proporzione delle risorse della collettività.

Tempi e regole sfratti casa in affitto, cosa cambia

Ecco dunque la rivisitazione di tempi e regole degli sfratti dalle case in affitto. Tra le novità degli interventi contro le ricadute economiche della crisi sanitaria del coronavirus inserire del decreto Cura Italia c'è infatti la proroga degli sfratti abitativi e non fino al 30 giugno 2020. La fase esecutiva dello sfratto si concretizza nel rilascio forzoso dell'abitazione da parte dell'ufficiale giudiziario. In tutti i casi di sfratti dall'abitazione è richiesto di monitorare se si verificano situazioni di pregiudizio per i soggetti più fragili come bambini e anziani.