Truffa del carrello, l'idea riuscita di un pensionato. Ecco come e quanto guadagnava al mese

Alla riconsegna del carrello del supermercato i malcapitati non trovavano la monetina inserita poco prima ma una rondella di metallo senza valore.

Truffa del carrello, l'idea riuscita

Truffa del carrello del pensionato


L'hanno già denominata la truffa del carrello e stando ai risultati ottenuti era anche piuttosto redditizia. Protagonista è un pensionato di 69 anni, forse bisognoso di arrotondare l'assegno previdenziale percepito ogni mese, che con un'idea semplice quanto efficace è stato in grado di racimolare un bel gruzzoletto: circa 20 euro ovvero 600 euro al mese. In sostanza non faceva altro che sostituire le monete per sbloccare e utilizzare i carrelli della spesa con dischetti metallici dello stesso diametro. L'espediente andava a buon fine giorno dopo giorno finché tra una segnalazione all'altra, il supermercato ha fatto scattare i controlli e ha notato gli strani comportamenti dell'anziano. Incastrato dalle telecamere è stato quindi denunciato a piede libero.

Truffa del carrello, il pensionato che arrotondava le entrate

Siamo a Sesto San Giovanni, alle porte di Milano, e i colpi dell'uomo di 69 anni erano continui. Altrimenti non sarebbe riuscito ad accumulare questo piccolo tesoretto a colpi di monetine. Al di là delle ragioni, siamo davanti a una vera e proprio truffa perché all'interno del supermercato e approfittando degli attimi di distrazione o comunque di impegno nella scelta dei prodotti da parte dei clienti, l'anziano sostituiva gli euro inseriti nei carrelli con dischetti di metallo dello stesso diametro che di fatto prendevano il posto delle vere monete. Tutto molto semplice in questa truffa del carrello, ma anche troppo alla luce del sole per poter durare nel tempo. L'architettura del piano ha iniziato a sgretolarsi dopo le prime segnalazioni dei clienti.

Alla riconsegna i malcapitati non trovavano la monetina inserita poco prima ma una rondella di metallo senza valore. Sono state proprio le lamentele dei clienti del supermercato a essere state decisive per l'avvio delle indagine. La ricostruzione dei fatti da parte dei carabinieri è chiara: l'anziano seguiva i clienti all'interno del supermercato e attendeva il momento adatto per entrare in azione. In alcuni casi spostava perfino gli articoli da un carrello all'altro per scambiare i carrelli. Sono quindi state le riprese effettuate con le telecamere interne a cogliere l'uomo in flagranza di reato.

Anziano denunciato dai carabinieri a piede libero

L'uomo, con precedenti penali per reati contro il patrimonio e con una denuncia alle spalle per un tentato furto sempre al supermercato, è stato quindi denunciato a piede libero. Come anticipato, il bottino portato a casa era di circa 20 euro al giorno che a fine mese diventavano circa 600.