Ryanair condannata risarcimento passeggeri per cancellazioni voli. La storia

Volo cancellato a poche ore dal decollo: la disavventura di due passeggeri e la condanna di Ryanair ad un risarcimento di oltre mille euro

Ryanair condannata risarcimento passegge

condanna Ryanair risarcimento passeggeri cancellazioni voli storia


Continuano le vicende che vedono protagonista, purtroppo ancora in negativo, la compagnia aerea low cost Ryanair. Dopo il grande caso dei mesi scorsi per le cancellazioni continue di voli dovute agli scioperi degli stessi dipendenti della compagnia, costretti a massacranti turni di lavoro per stipendi che, a loro parere, non riconoscevano il lavoro da loro effettivamente svolto, come impegno e ore, le ultime notizie riguardano una condanna di risarcimento inflitta alla stessa compagnia e sempre per cancellazioni di voli.

Ryanair condannata: la storia

Stando a quanto riportano le ultime notizie, dopo aver cancellato un volo a pochissime ore prima del decollo, la compagnia sarebbe stata condannata a risarcire due viaggiatori pugliesi per la somma di 1.100 euro. A stabilire la condanna il giudice di Pace di Legge. Protagonisti dell'imprevisto due persone di Brindisi , padre e figlio, che lo scorso settembre avevano prenotato un volo Ryaniar andata e ritorno per Bergamo. Poco prima del rientro dall'aeroporto di Bergamo, i due avevano ricevuto un messaggio che li avvertiva della cancellazione del loro volo. Dopo aver cercato inutilmente un altro volo, sono tornati in Puglia in treno. Ma non solo: da Brindisi, stazione di arrivo, sono dovuti andare all'aeroporto di Casale dove avevano lasciato l'auto.

Una volta rientrati, i due hanno chiesto a Ryanair un rimborso per il danno subito. La compagnia li ha riconosciuto un assegno di 500 euro ma quando dell’accaduto è stato informato il giudice di pace Giuseppe Capodieci, ecco arrivare la condanna per la compagnia al risarcimento di 1.100 euro. Stando a quanto spiegato dal giudice, infatti, in vicende come queste il passeggero, insieme al rimborso del prezzo del biglietto e del volo di ritorno o un volo alternativo, ha diritto cumulativamente anche ad una somma di denaro per il mancato imbarco e all'assistenza consistente in pasti e bevande, sistemazione alberghiera e trasporto. Cumulando, dunque, queste spese, l’equa cifra di rimborso stabilita dallo stesso giudice come risarcimento ai due brindisini è stata ben più alta di quanto risarcito inizialmente dalla compagnia stessa.

La sentenza del giudice di Pace di Legge, in realtà, non fa che osservare la normativa attuale che stabilisce  per coloro che subiscono cancellazioni e ritardi non solo il riconoscimento di indennizzi per importi che compresi tra 250 e 600 euro, in base alla lunghezza della tratta, ma anche dei danni supplementari come quelli sopra riportati.

Ryanair: condanna risarcimento e nuovo precedente

Se, da una parte, questa condanna potrebbe far ben sperare i clienti affezionati della compagnia low cost affinchè eventi del genere non accadano più, se non altro per non incorrere in ulteriori risarcimenti diciamo importanti, dall’altra, per la compagnia rappresenta una grana non da poco, considerando che potrebbe rappresentare un precedente per eventuali altri problemi del genere che potrebbero verificarsi. Sono, infatti, migliaia i passeggeri che ogni anno subiscono cancellazioni o forti ritardi dei loro voli, il che significa che dopo questa sentenza potrebbero tutti avere la strada ben spianata per effettuare ogni qualvolta si sia soggetti a cancellazioni e ritardi importanti di voli richiesta di risarcimento cui la compagnia non potrà opporsi.