Assenze coronavirus come si possono gestire tra ferie, permessi e cassa integrazione

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Assenze coronavirus come si possono gest

Coronavirus, come gestire le assenze

Lavoro a distanza a parte, le aziende che sono costrette ad abbassare la saracinesca in questi giorni di rischio contagio da coronavirus devono fare a meno dei dipendenti.

Le aziende sono ferme al palo e i dipendenti sono invitati ad attivare forme di lavoro a distanza. Succede in tempi di coronavirus, ma è evidente che non tutti hanno questa possibilità e sono costretti a ricorrere a ferie, permessi o cassa integrazione per giustificare la propria assenza.

Pensiamo ad esempio ai bar e ai ristoranti, ma anche ai negozi per la vendita al dettaglio e più in generale a tutte quelle mansioni per cui è indispensabile la presenza fisica giorno dopo giorno.

Per tutti loro e per chi non può lavorare a distanza, quali sono i modi migliori e possibili per gestire le assenze in questi giorni di coronavirus?

Sono in tanti a nutrire dubbi sulla correttezza dell'utilizzo delle ferie anche perché, è il ragionamento comune, al termine dell'emergenza il lavoratore si ritroverà senza la possibilità di fruire di un solo giorno di assenza.

Non dimentichiamo che, a norma di legge, a ciascun dipendente con contratto full time, sia esso a tempo determinato o indeterminato, che abbia lavorato per un anno interno, spettano 4 settimane di ferie nel corso di un anno. Analizziamo allora la situazione e vediamo

  • Coronavirus, come gestire le assenze: ferie e permessi
  • Cassa integrazione per gestire le assenze per coronavirus

Coronavirus, come gestire le assenze: ferie e permessi

Lavoro a distanza a parte, le aziende che sono costrette ad abbassare la saracinesca in quesi giorni di rischio contagio da coronavirus stanno spingendo i dipendenti a utilizzare ferie e permessi residui.

Se questi strumenti sono esauriti, come vedremo nel paragrafo successivo, è possibile accedere alla cassa integrazione anche da parte della aziende con un solo dipendente.

A norma di legge, il periodo trascorso in quarantena con sorveglianza attiva o in permanenza domiciliare fiduciaria è equiparato alla malattia anche per i dipendenti del settore privato.

Secondo il decreto, gli oneri sono a carico del datore di lavoro tenuto a presentare domanda all'ente previdenziale sono posti a carico dello Stato.

Cassa integrazione per gestire le assenze per coronavirus

La novità dell'ultim'ora è rappresentata dall'introduzione della cassa integrazione in deroga. Applicabile sull'intero territorio nazionale, per tutti i settori produttivi e anche dalle aziende con un solo dipendente, la durata massima di 9 settimane.

Più precisamente hanno accesso quelle imprese che si trovano davanti a una riduzione o a una sospensione dell'attività lavorativa in seguito all'emergenza coronavirus.

Viene concessa dalla regione o provincia autonoma se la richiesta d'intervento proviene da unità produttive site in un'unica regione o provincia autonoma oppure viene concessa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali se la richiesta arriva da aziende con unità produttive su tutto il territorio nazionale.

L'indennità è pari all'80% della retribuzione, comprensiva di ratei di mensilità aggiuntive. La domanda va presentata entro 20 giorni dalla data in cui ha avuto inizio la sospensione o la riduzione dell'orario di lavoro.

La cassa di integrazione straordinaria non può comunque essere concessa per cessazione dell'attività dell'impresa.





Puoi Approfondire
Per approfondire
Contratti nazionale lavoro scaduti 2019, aumento stipendi in automatico per legge.