Badanti, colf, baby sitter possono lavorare o no dopo decreto su chiusura attività e imprese coronavirus

di Marianna Quatraro pubblicato il
Badanti, colf, baby sitter possono lavor

Badanti colf baby sitter lavoro decreto chiusura

Badanti, colf e baby sitter possano lavorare anche dopo il nuovo decreto per la chiusura di quasi tutte le attività

Il nuovo decreto del governo Conte per fronteggiare l’emergenza coronavirus ha stabilito la chiusura totale, insieme ai pubblici esercizi già chiuso, di tutte le imprese, fabbriche e attività di produzione non essenziali. Tra le categorie di lavoratori escluse da questa ordinanza quella di badanti colf e baby sitter che possono continuare a lavorare con la possibilità di spostarsi anche da un Comune all’altro, spostamento diventato vietato per tutti a meno che non sussistano motivi validi come motivi di salute o appunto motivi di lavoro.

Badanti, colf, baby sitter possono lavorare o no dopo decreto chiusura attività per coronavirus

Le ultime notizie confermano come badanti, colf e baby sitter possano lavorare anche dopo il nuovo decreto che impone la chiusura di quasi tutte le attività per evitare una ulteriore diffusione del contagio da coronavirus e, come stabilito dallo stesso decreto, proprio per motivi di lavoro, colf e badanti sono tra le poche persone ad avere la possibilità di spostarsi da un Comune all’altro per andare a trovare o ad assistere persone non autosufficienti.

Stesso discorso vale per le baby sitter che in questo periodo di emergenza coronavirus che ha portato alla chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado (al momento fino al prossimo 3 aprile ma suscettibile di quasi certa proroga) sono figure necessarie per tutte quelle famiglie che rientrano tra le categorie di persone che devono continuare a lavorare e che non sanno dove e con chi lasciare i propri figli ‘liberi’ dall’impegno scolastico.

Nei casi, però, di badanti, colf e baby sitter, per eventuali spostamenti da un Comune ad un altro si consiglia di portare con sé oltre all'autocertificazione anche una copia del contratto di lavoro.


Badanti, colf e baby sitter a lavoro anche dopo chiusura altre attività

Colf, badanti a baby sitter rientrano, dunque, tra le categorie di persone che nonostante la chiusura delle attività non essenziali possono continuare a lavorare. Stando, infatti, a quanto previsto dal nuovo decreto, in vigore da oggi 23 marzo e fino al prossimo 3 aprile (al momento perché potrebbe essere una scadenza destinata anche ad essere prorogata), tutte le attività produttive industriali e commerciali non essenziali sono sospese, ad eccezione di quelle considerate essenziali.

Rientrano in questa categoria di attività, tra le altre, le seguenti:

  • attività di produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di farmaci, tecnologia sanitaria e dispositivi medico-chirurgici;
  • attività di produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di prodotti agricoli e alimentari;
  • ogni attività funzionale a fronteggiare l’emergenza;
  • attività dell’industria dell’aerospazio e della difesa e le altre attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale, a condizione di avere dovuta autorizzazione del Prefetto della provincia dove si trovano le stesse attività produttive;
  • estrazione di carbone, petrolio greggio e gas naturale;
  • fabbricazione di carta e articoli in gomma;
  • trasporto terrestre, marittimo e per via d'acqua, e aereo;
  • servizio postale e attività di corriere;
  • attività finanziarie e assicurative:
  • servizi veterinari;
  • servizi di vigilanza provata e connessi a sistemi di vigilanza;
  • istruzione;
  • riparazione e manutenzione di computer, telefoni, altre apparecchiature per le comunicazioni.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: