Denunciare datore di lavoro o condizioni irregolari con nuovo servizio INPS online

di Chiara Compagnucci pubblicato il

La novità di questo 2019 si chiama Cip ed è un servizio messo a disposizione dall'Inps. Nel caso di inesattezze è quindi inoltrare una segnalazione.

Denunciare datore di lavoro o condizioni

Come denunciare datore di lavoro

Sono cambiati i tempi in cui non si poteva fare altro che riporre la fiducia "a scatola chiusa" al datore di lavoro sperando che si comportasse correttamente in relazione agli adempimenti legati all'assunzione. Gli aspetti a cui prestare attenzioni sono in effetti tanti e vanno dall'assunzione vera e propria alla corrispondenza tra quanto indicato in busta paga e la somma effettivamente versata al lavoratore fino ad arrivare alla coincidenza tra qualifica assegnata e mansioni davvero svolte e al versamento di contributi previdenziale.

La novità di questo 2019 si chiama Cip ed è un servizio messo a disposizione dall'Inps. Cip sta per Consultazione info previdenziale e non è altro che una piattaforma web in cui ciascun lavoratore può controllare in piena autonomia la propria posizione contributiva e previdenziale. Fin qui non ci sarebbe in realtà nulla di particolarmente innovativo perché queste informazioni sono comunque ricavabili con una certa facilità. La vera portata innovativa del servizio Cip dell'Inps è piuttosto la possibilità di segnalare o denunciare il datore di lavoro per condizioni irregolari.

Nuovo servizio Cip dell'Inps, come funziona

Bastano pochi click al lavoratore per accedere alla pagina personale del servizio Cip messo a disposizione dell'Istituto nazionale della previdenza sociale. Per farlo occorre collegarsi sul sito ufficiale dell'Inps e seguire il percorso Prestazioni e Servizi -> Autenticazione. A quel punto occorre eseguire l'autenticazione.

L'alternativa è rappresentata dall'app Inps Mobile, gratuitamente scaricabile su smartphone e tablet, che mette a disposizione in maniera più compatta e schematica i medesimi servizi presenti nel portale web dell'Istituto nazionale della previdenza sociale. Prima di accedere alla Consultazione info previdenziale occorre dunque autenticarsi e questa operazione può avvenire in tre modi:

  1. con lo Spid (Sistema pubblico di identità digitale) ovvero lo strumento con cui accedere ai servizi online della pubblica amministrazione (non solo quelli dell'Inps) con la stessa coppia utente-password;
  2. con il codice Pin rilasciato dall'Inps;
  3. con la Carta nazionale dei servizi ovvero la smart card o chiavetta Usb contenente il certificato digitale di autenticazione personale per accedere ai servizi online della pubblica amministrazione.

Come denunciare datore di lavoro o condizioni irregolari

Una volta effettuato l'accesso al Cip, il lavoratore si trova davanti la sintesi della sua carriera lavorativa: la presenza e l'importo di conguagli effettuati per assegni distinti o correnti al nucleo familiare; la categoria contrattuale di inquadramento e il tipo di contratto di lavoro; la presenza di conguagli per permessi e congedi di maternità o di paternità oppure di malattia che danno diritto ai contributi figurativi; la tua retribuzione imponibile a fini previdenziali, con evidenziato l'eventuale imponibile che eccede il massimale; e naturalmente il nome o la ragione sociale del datore di lavoro.

Nel caso di inesattezze o irregolarità è quindi possibile inoltrare una segnalazione o una denuncia.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":